BJRG
Skin Deep

[ INRI - 2019 ]
7.5
 
Genere: Vocal
Tags:
 
10 Febbraio 2020
 

Dopo l’EP “Solastalgia” del 2016 e sei date in Marocco, Bjrg presenta il nuovo lavoro, “Skin Deep”, volto a scardinare la molteplice natura della voce musicale, soggetta a navigare lungo ll labile confine tra la comunicazione testuale e l’emissione di suoni non sempre verbocentrici; per farlo analizza e sviscera le componenti vocali: le taglia, le cuce, le snatura, e le rende irriconoscibili, seppur familiari; le plasma gospel quando racconta l’eroe sudafricano Steve Bitko (“But”), le fa ritmate citando la “working class hero” di John Lennon (“Skin”) – in merito alla lotta dei nativi americani contro la costruzione di un oleodotto all’interno di una riserva – e le tinge scure scavando la dimensione quantistica della pelle, tema cardine dell’album (“Nothing” e “Flash”).

Al cantante milanese bastano due microfoni e una loop station per ripensare a questa idea di voce e creare una polifonia complessa e completa; la sua fortuna è nella mente, nel vedere ogni componente vocale in ordine, con pochi schemi pregressi a cui aggrapparsi: si confronta con la musica elettronica, prende le ritmiche dal trip-hop e studia dal filone folk contemporaneo l’uso del falsetto. Le melodie lineari si completano con il beatbox ritmico (“In The”) e complessi contrappunti slegano il concetto di prima voce suggerendo un’idea di musica più astratta (“Is”), rendendo il concept album un articolato strato di livelli compositivi e concettuali, esaltati dal lavoro in studio e riportati in una scaletta curata in ogni particolare, come nel legame stretto tra i nomi delle tracce: tutte collegate tra loro nei temi e ordinate nella tracklist in modo da formare una frase ermetica.

Bjrg si conferma come uno dei progetti più interessanti del panorama italiano, uscendo con coraggio dai canoni tradizionali e liberando la voce dai vincoli, puntando a sonorità inesplorate e ad un’originalità efficace.

Tracklist
1. Out
2. In The
3. Flesh
4. Nothing
5. But
6. Skin
7. Is
8. Unseen
9. Firework
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...