NAIROBI
Nairobi

[ Wallace Records / Brigadisco - 2020 ]
7.5
 
Genere: sperimentale, post-rock
Tags:
 
10 Febbraio 2020
 

“Nairobi” è stata una sorpresa, in positivo, vi spiego il perché.

Iniziamo dai musicisti, già più che rodati e con esperienza alle spalle: Andrea il batterista suona nei Plasma Expander, Giorgio il chitarrista invece suona negli Ice Pick Experimental Trio ed infine il bassista Leonardo degli We Were Off, insomma, un bel tris più che meritevole che già ci fa mettere le mani avanti sulla bontà di un disco. Certo una somma di talenti potrebbe non portare sempre a un buon risultato, ma stavolta tutto fila per il verso giusto. Quello che abbiamo tra le mani è un mix di una piccola parte di stoner e math rock, ma è capace di andare oltre, ricordando, a noi devoti, anche il progetto Zeus! mescolato con la violenza dei King Gizzard dell’album “Murder Of The Universe”. La realtà è che potrei andare all’infinto con questi esempi di band che mi vengono in mente ascoltando i Nairobi, ma sarebbe un errore, perché li trovereste allora come meramente derivativi e non è certo questo quello che intendo.

Pezzi come “Escape From The Planet Of Robot Monster” sono una mina, basso dritto, batteria che freme e chitarra riverberata rendono il pezzo fantastico, una goduria per l’orecchie. “Two Bad” può esser considerata la più math dell’album, ed io che aprezzo i Don Caballero ed i Tera Melos, beh, ci sento anche un po’ di loro, infatti vado in estasi con questo sound.

Ottima opera prima e non si sente affatto la mancanza di un cantante. Ve lo consiglio? Senza ombra di dubbio.

Tracklist
1. Winding Tapes
2. The Worm and the Sprinkler
3. Two-Bad
4. Tricky Traps
5. Escape from the Planet of the Robot Monsters
6. Turbo Pascal
7. Megalopolis
8. Oh, Guns Guns Guns!
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...