THE NEW POPE

 
 
di
10 Febbraio 2020
 

Dopo due primi episodi che introducono il nuovo Papa arrancando tra provocazioni un po’ ovvie, sia visive che narrative, Sorrentino ritrova presto la quadra e mette in piedi una stagione buona almeno quanto la prima. Specie in sede di sceneggiatura la carne messa a cuocere è tanta, alle tematiche dell’omosessualità e della pedofilia all’interno della chiesa vengono infatti aggiunte il ruolo delle suore, il fanatismo religioso e la necessità di un update del credo. Il tema centrale e imprescindibile, sviscerato questa volta attreverso le insicurezze di Papa Brannox (un Malkovich felpato e penetrante), è al solito la fede. Una serie che viene spesso in mente guardando questo “The New Pope” è infatti la meravigliosa e ingiustamente bistrattata “The Leftovers”.

Inutile dire che la serie decolla davvero quando ritorna in scena il vecchio Papa Lenny Belardo, il cui risveglio viene annunciato da titoli di testa destinati ad entrare nella storia della televisione, oltre che a scatenare l’invidia e la frustrazione dell’intero pubblico maschile. Sebbene fugace il confronto tra i due Papi, emblemi di due modi di essere ed intendere la fede diametralmente opposti è fantastico. Una roba difficile da immaginare maneggiata da attori peggiori di Malkovich e Law.

Le trovate visive della ditta Sorrentino/Bigazzi si sprecano, alcune sono fini a se stesse, altre fantastiche (il crowdsurfing di Papa Belardo è da applausi). Ma si sa, Sorrentino ormai un po’ ci gioca, tanto che a questo giro ci ha anche piazzato la suora nana che fuma profetizzata da Crozza. Meravigliosamente filmato, quello che viene viene proposto è un vero e proprio tour de force di immaginifiche provocazioni, da cardinali intenti in threesome pansessuali a suore di clausura che copulano con migranti islamici, così dissacrante da mettere a dura prova i fedeli cattolici di vecchio stampo (ho spesso immaginato la faccia delle mie vecchie maestre di catechismo a cospetto di cotanta materia).

Divertentissimi i titoli di coda dell’ultima puntata, che premiano finalmente l’interpretazione reale, anzi no papale, di Orlando, che, non sfigurando mai in presenza di Law e Malkovich, guida una carrellata di comprimari lussuosi.

Paese: Italia, Francia, Spagna, Stati Uniti d'America
Anno: 2020
Formato: serie TV
Genere: drammatico
Episodi: 9
Durata: 50-60 min (episodio)
Lingua originale: inglese, italiano
Ideatore: Paolo Sorrentino
Regia: Paolo Sorrentino
Soggetto: Paolo Sorrentino
Sceneggiatura: Paolo Sorrentino, Umberto Contarello, Stefano Bises

Interpreti e personaggi

Jude Law: Lenny Belardo/Papa Pio XIII
John Malkovich: John Brannox/Papa Giovanni Paolo III
Silvio Orlando: Angelo Voiello
Cécile de France: Sofia Dubois
 

Unorthodox

“Unorthodox” narra la fuga della giovane Esty dalla comunità Hasidic (ebrei ultra-ortodossi di origine ungherese, ...

La casa de papel – Stagione 4

Tutto quanto di buono si era visto nelle prime due stagioni di questa serie fenomeno, invero manco tantissimo, era stato già buttato nel ...

Hogar (Dov’è la tua casa)

“Hogar” è un thriller psicologico molto solido che racconta la risalita sociale di un pubblicitario fallito. Man mano che ...

El Hoyo – Il Buco

Horror basco a basso costo, “El Hoyo” sta facendo parlare molto di se. In effetti il meccanismo della prigione futuristica dove ...

Ultras

Sarebbe bastata una sceneggiatura un pelo più accattivante e meno telefonata, stereotipata a fare di Ultras un film molto migliore. In ...