TUTTI FENOMENI
Merce Funebre

[ 42 Records - 2020 ]
7.5
 
Genere: Indie Pop
 
10 Febbraio 2020
 

Tutti Fenomeni è uscito con il primo vero disco: “Merce Funebre”. L’album è un’occasione per capire di più su un progetto che si muove in simbiosi con la personalità di Giorgio Quarzo Guarascio e si incarna in una serie di scelte testuali e sonore (guidate da Niccolò Contessa) che delineano un territorio atipico per la musica italiana.

Il disco si muove, in ogni sua traccia, in campi semantici e di significato diversi, ma che hanno come comune denominatore un’attrazione verso la poesia e la filosofia.
La capacità di Tutti Fenomeni è quella di risultare un progetto assolutamente credibile e digeribile nonostante l’artista preferisca non mettersi a nudo, ma vestirsi e caricarsi di significati importanti e difficili da masticare.

Simboli, icone e significati si intrecciano l’un l’altro tra i pezzi del disco: brani come “Trauermarsch” o “Hikmet” hanno una capacità evocativa che trascende le singole parole.
Passando dalle collaborazioni con i Tauro Boys ai trascorsi trapperecci, la dimensione che ritroviamo in questo disco è assolutamente personale, evolutiva e di difficile comparazione con il passato e con tutto ciò che troviamo nel panorama musicale italiano oggi.

L’avanguardia va ostentata e rivestita, questo sembra dirci Giorgio in “Merce Funebre”.

Le parole diventano una componente di ostentazione che sembra rituale, ogni vocabolo è un punto di accesso al pensiero di Giorgio.
La sua è una canzone dall’estetica del brainstorming: ogni componente della realtà può effettivamente essere inglobato, cannibalizzato e prendere vita tra le parole di “Merce Funebre”.

Interessante come un disco del genere non si fermi troppo ad analizzare e puntualizzare ogni elemento, tutto è fluido e sembra uscire dal pensiero di Giorgio con coerenza e talento.
“Merce Funebre” è l’elogio dell’impegnata spensieratezza. Una boccata d’aria per la canzone italiana.

Tracklist
1. Marcia Funebre
2. Valori Aggiunti
3. Metabolismo
4. Mogol
5. Reyjckiavik
6. Diabolik
7. Hikmet
8. Filosofia
9. Marcel
10. Qualcuno che si esplode
11. Trauermarsch
 
 

Greg Dulli – Random Desire

E’ raro fare qualcosa per la prima volta, dopo trent’anni di onorata carriera. Succede a Greg Dulli (Afghan Whigs, The Twilight Singers) ...

Beach Bunny – Honeymoon

Attesissimo (dal sottoscritto) l’esordio sulla lunga distanza della band di Lili Trifilio non possiamo dire che deluda, ma non riesce ...

Oh Wonder – No One Else Can ...

Avevo riposto delle discrete aspettative su questo nuovo lavoro del duo londinese, gran parte delle quali però disattese. Dispiace, perché ...

The Men – Mercy

Incredibile ma vero, i The Men sono riusciti a registrare ben tre dischi di fila con la stessa formazione. “Mercy” è l’ottavo album ...

Mariana Semkina – ...

Primo album solista per Marjana Semkina, voce degli iamthemorning (sempre lei nonostante lo spelling diverso del nome a lettere gotiche in ...