IL TRIANGOLO
Faccio un cinema

[ Ghost Records -2020 ]
7
 
Genere: indie pop
 
12 Febbraio 2020
 

Provate ad ascoltare “Nella testa” per un po’ di tempo e poi provate a vedere se riuscite a togliervelo dalla vostra di testa,”… se mi fai stare bene o mi fai stare male non importa fuori c’è la tempesta” vi resterà appiccicato per parecchio tempo.

Tutto questo per sottolineare come Marco Ulcigrai, voce e chitarra e Thomas Paganini, voce e basso di Il Triangolo, in questo loro nuovo lavoro riescono a confezionare brani ad alto contenuto pop, capaci di fare subito presa sull’ascoltatore, mantenendo una qualità e una freschezza sempre alta.

Un brano come nella “Nella testa”, ma anche altri che citeremo più avanti, ha tutte le potenzialità per passaggi radiofonici e per incontrare il gusto di un pubblico più vasto, orecchiabile e frizzante, con un testo non banale che nasconde una certa inquietudine esistenziale.

La cifra di tutto l’album è tutto sommato la stessa, l’immediatezza che si esprime nel sound, ma anche nei testi, che a volte sembrano semplici al primo ascolto, ma che se riletti nascondono un affresco di una quotidianità a volte inconsapevolmente accettata.

C’è una riflessione di fondo che ormai scatta per tutti in modo naturale una volta superati i 30 anni, un’urgenza di avere qualcosa di concreto, di realizzare un progetto, di trovare un posto nel mondo, di immaginarsi il proprio futuro.

Se andate ad ascoltare il loro precedente album del 2014 ” Un’America”, l’evoluzione della band è evidente e in fondo anche naturale, cinque anni di distanza sono tanti e  in questo lasso di tempo si possono accumulare esperienze professionali e umane che ti cambiano e ti trasformano.

L’album apre con ” Nella testa” e continua con “Faccio un cinema”, anche questo brano riuscito e che funziona molto bene.

Il pregio dell’album è  che scorre via bene ed è sempre piacevole, come accade per ” Volevo un vizio” o “Ivan” e anche “Messico”, tutti  brani capaci di funzionare anche come singoli, tra momenti ritmici elettronici, chitarre elettriche e acustiche.

Se Il Triangolo cercava una nuova via da percorrere, sicuramente con questo nuovo lavoro ha trovato alcune certezze e le basi sulle quali costruire il proprio futuro artistico e la possibilità sviluppare un sound personale e riconoscibile, che è alla base di  ogni band che vuole ritagliarsi un proprio spazio.

Altro aspetto interessante è che Il Triangolo finalmente si allontana da una scrittura Indie pop sempre uguale, condizionata dai grandi successi mainstream che hanno finito per appiattire una scena musicale che all’inizio sembrava interessante.

Se questo album in fondo possiamo considerarlo un nuovo inizio per i due ragazzi di Varese, allo stesso tempo rappresenta una buona speranza di un futuro brillante.

Credit Foto: Chiara Mirelli

Tracklist
1. Nella testa
2. Faccio un cinema
3. Volevo un vizio
4. Il giorno sbagliato
5. Messico
6. Siamo diversi
7. Appunti
8. Ivan
9. Il cielo
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments