OF MONTREAL
Ur Fun

[ Polyvinyl Records - 2020 ]
5
 
Genere: Synth pop, Indie Pop
 
12 Febbraio 2020
 

Kevin Barnes torna, dopo solo due anni dal precedente lavoro in studio, con un nuovo album a nome of Montreal. Giusto specificarlo perchè l’artista americano è da sempre assai prolifico e impegnato su più fronti, molti dei quali gravitanti attorno agli Elephant 6, collettivo di Athens.

Da subito Barnes si inserì nella scena della sua città divenendone presto anzi un punto cardine e animatore di tante esperienze, tra cui quella che ebbe maggior eco è proprio rappresentata dagli of Montreal (che si riferisce nel nome a una ragazza proveniente dalla florida città canadese).

Album dopo album però ne è divenuto sempre più l’essenza, tanto da fare di quella sigla una One Man Band. Mai come in questo disco però, se è vero che in quell’ inno al divertimento che risponde al nome di “Ur Fun”, l’autore fa davvero tutto da solo, con risultati positivi da una parte e negativi dall’altra.

Di buono c’è che l’autore in queste 10 nuove canzoni si è lasciato andare come non mai, trasmettendo tutta la voglia di liberarsi dalle brutture del suo tempo, in una sorta di celebrazione dei sentimenti di amicizia, comunione e amore (evocata a più riprese la sua compagna di vita,  quella Christina Schneider, cantautrice indie-pop nota come Locate S,1, che partecipa pure nella zuccherosa e plasticosa ballata “Gypsy That Remains”).

Tutto questo lo declina in brani smaccatamente pop, ballabili e caratterizzati da vagonate di synth, che rendono l’album ora irresistibile, ora al limite del fastidioso.

La cosa negativa è infatti il livello stesso delle composizioni, che si rincorrono veloci e sembrano fare a gara a chi la spara più alta, tra ritornelli talvolta efficaci anche se oscurati da suoni davvero ingombranti, come nella rockeggiante “Don’t Let Me Die In America”, nella confusionaria “Get God’s Attention By Being An Atheist” o nella chiassosa e spaziale “Polyaneurism”.

Meglio quando le atmosfere si fanno più lievi e accoglienti, come in “Carmillas Of Love” o nella dolce “You’ve Had Me Everywhere”, le uniche a mio avviso all’altezza di acclamati lavori precedenti, dove a prevalere era quel brillante e accattivante pop psichedelico che non temeva paragoni con i maestri del genere.

Non basta questo però a risollevare le sorti di “Ur Fun”, che in principio avrebbe voluto coinvolgerci in questo clima, come non non basta la felice dichiarazione di intenti dell’iniziale “Peace To All Freaks”, coinvolgente e appassionata e, quella sì, baciata da un riuscito mix di parole, suoni e melodie.

Lo sforzo diventa inutile, perchè se poi il resto delle tracce prosegue su quella falsa riga, senza eguagliarne le bellezza, allora tutto diventa anonimo e prevedibile.

Credit Foto: Christina Schneider

Tracklist
1. Peace To All Freaks
2. Polyaneurism
3. Get God's Attention By Being An Atheist
4. Gypsy That Remains
5. You've Had Me Everywhere
6. Carmillas of Love
7. Don't Let Me Die In America
8. St. Sebastian
9. Deliberate Self-harm Ha Ha
10. 20th Century Schizofriendic Revengoid-man
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

The Mars Volta – The Mars ...

Lo scioglimento all’inizio del 2013, l’effimera ma produttiva reunion con gli At The Drive-In tra il 2016 e il 2018 e, infine, il ...

The Beths – Expert In A Dying ...

Nonostante il loro sophomore “June Rope Gazers” fosse uscito solamente a luglio 2020, l’attesa per questo terzo LP dei Beths, ...

Marcus Mumford – ...

Generalmente quando il frontman di una band decide di intraprendere una carriera solista (mantenendo comunque quella originale) non è mai ...

Whitney – Spark

Mi sono approcciato al nuovo album dei Whitney (band di Chicago capitanata dai fondatori Max Kakacek e Julien Ehrlich) con ancora nelle ...

Recent Comments