ASGEIR
Bury The Moon

[One Little Indian - 2020]
6
 
Genere: indie-folk
Tags:
 
17 Febbraio 2020
 

Un colpo al cerchio e uno alla botte per il buon Ásgeir, che anche questa volta trova il fedele aiuto di John Grant nel tradurre le sue composizioni dalla lingua madre all’inglese.
Da dove deriva il nostro incipit? Beh, dal fatto che il cantante islandese cerca di accontentare un po’ tutti, realizzando un prodotto ben confezionato ma dal cuore plastificato e preconfezionato, a rischi zero. Il punto di riferimento, quando viaggia in territori folktronici, è il big Justin Vernon, mentre quando il tutto assume toni più morbidi, eleganti ed emotivi ecco che ci troviamo davanti a un suono da cartolina, in cui manca proprio l’anima più profonda o quello spirito, realmente desolato, dei luoghi in cui il disco è stato creato.

Il lavoro scorre via senza grossi sussulti, molto ordinato ed educato, ci mancherebbe, ma non si toglie di dosso una patina di già sentito a cui, grazie a un maggior trasporto emotivo e una maggior personalità, anche l’ascoltatore avrebbe potuto passar sopra. La cosa invece non avviene.

Arrivati a questo punto della sua carriera possiamo dire che Ásgeir non è certo quella big thing di cui tanto si vociferava al suo esordio, ma un onestissimo mestierante che, in qualche occasione, si è comunque distinto in positivo, come accade a tanti altri che però non hanno particolare esposizione mediatica. Nulla di più e nulla di meno.

Tracklist
1. Pictures
2. Youth
3. Breathe
4. Eventide
5. Lazy Giants
6. Overlay
7. Rattled Snow
8. Turn Gold To Sand
9. Living Water
10. Until Daybreak
11. Bury The Moon
 
 

Huge Molasses Tank Explodes – ...

Milano blindata, come anche il resto d’Italia, e questo è assodato oramai. Il fatto di non dover uscire non è un effettivo problema per ...

Islet – Eyelet

Ci sono voluti ben sette anni per avere tra le mani il nuovo attesissimo lavoro del trio gallese degli Islet. Questo “Eyelet” ...

Twisted Wheel – Satisfying ...

Otto anni dopo il secondo (e fino ad oggi ultimo) album, sei dopo l’autoproclamato “funerale”, riecco sulla lunga distanza ...

Spinning Coin – Hyacinth

La compagine di Glasgow composta da Cal Donnelly, Chris White, Jack Mellin, Sean Armstrong e Rachel Taylor ripropone con ...

Waxahatchee – Saint Cloud

E’ sempre un vero piacere ascoltare la musica di Katie Crutchfield, ovvero Waxahatchee, che seguiamo ormai da parecchi anni. Questo ...