TAME IMPALA
The Slow Rush

[ Modular - 2020 ]
6.5
 
Genere: Pysch-Pop
 
di
17 Febbraio 2020
 

Premessa fondamentale, quanto semplicistica: il sottoscritto rientra nella schiera di coloro che hanno adorato i primi due album a firma Tame Impala, e ritiene “Currents”, per quanto portatore di  malia e talento, un passaggio che lo ha soddisfatto al minimo sindacale. E non certo perché ritenevo, come alcuni, Kevin Parker l’ennesimo potenziale salvatore del rock.

5 anni per un album e allora ecco che, al netto del calibro ormai chiaramente spostatosi dallo psych-rock al psych-pop, la curiosità – più che le attese- ci fosse eccome.

Sia chiaro, “The Slow Rush” per quanto edibile, non è un album da ascolto singolo: va testato, riprovato, ha bisogno di un debito grado di immersione. Il trend sonoro di “Currents” è confermato, e questo è il new deal di Kevin Parker: prendere o lasciare. E non si può discutere nemmeno, ancora una volta, su fattura, resa, fascino e magnetismo. Ci sono peraltro pezzi di levatura notevole (“Borderline”), momenti incalzanti (“Lost in Yesterday”), attraenti quanto ipnotici (la pulsante “It Might Be Time”, o ancora “Breathe Deeper”), e tra synth e tastiera si sente anche ruggire qualche chitarra che fu (“One More Hour”). Il tutto scorre liquido, a tratti chillout, con innegabile gusto vintage ’70-’80 con chiare inclinazioni disco e una – immarcescibile, quella- buona aliquota lisergica.

Ogni cosa è al suo posto, perché Parker è abile demiurgo. E 5 anni, poi, sono tempo più che necessario per puntellare e limare.

Va anche detto che per quanto portatore di charme e classe, lungi da me mettermi in ginocchio in adorazione come altri colleghi: di questo “The Slow Rush” riconosco l’attrattiva, la sua ragion d’essere, i suoi momenti di grazia. Ma se cercassi il masterpiece o un lavoro davvero soddisfacente, non sarà certo questo album ad appagarmi.

Tracklist
1. One More Year
2. Instant Destiny
3. Borderline
4. Posthumous Forgiveness
5. Breathe Deeper
6. Tomorrow's Dust
7. On Track
8. Lost In Yesterday
9. Is It True
10. It Might Be Time
11. Glimmer
12. One More Hour
 
 

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...

Bush – The Kingdom

Diciamolo, certa stampa non è mai stata carina (per usare un eufemismo) con i Bush di Gavin Rossdale. Non era un fatto personale o una ...

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...