SPC ECO
Fifteen/February EP

[ autoprodotto - 2020 ]
7.5
 
Genere: Dream-Pop, Trip-Hop, Shoegaze
 
19 Febbraio 2020
 

Si può essere taglienti ed eterei allo stesso tempo, guardare alle sonorità trip-hop dei Massive Attack, alle ossessioni alienanti di questi tempi moderni e trasformare le brucianti convulsioni shoegaze della propria anima in un miscuglio di sonorità elettroniche, noir e dream-pop. Spesso ci massacrano, ci rompiamo in pezzi sempre più piccoli; pezzi che perdiamo nell’oscurità delle nostre paure e delle nostre assurde manie e che, poi, facciamo sempre più fatica a recuperare e rimettere assieme, lasciando che il tempo a nostra disposizione, il nostro stesso nome e tutto quello che abbiamo a cuore ci sfugga, dolorosamente ed inevitabilmente, per sempre, di mano.

Rose Berlin e Dean Garcia, noti come SPC ECO, ovvero “space echo”, si affidano ai loro suoni tremolanti e malinconici, ai passaggi più lievi, a quelli più turbolenti, alla calda umanità della voce di Rose, alle fredde, frenetiche e convulse atmosfere dei synth, per tentare di ritrovare e riattaccare ognuno di quei frammenti e poi attraversare quelle lande oscure dalle quali, spesso, non riusciamo più ad uscire. Non perché non troviamo la strada, ma semplicemente perché ci lasciamo travolgere, condizionare e controllare da fattori esterni che non hanno assolutamente nulla a che vedere con ciò che siamo davvero. Dentro. A volte sono atteggiamenti rabbiosi oppure orgogliosi, a volte il desiderio di possedere qualcosa o qualcuno, a volte oggetti del tutto inutili ed insignificanti, a volte i dubbi e le insicurezze che la stessa società inietta nelle nostre vite, in maniera tale da plasmarci e renderci asserviti ai suoi meccanismi.

Ma SPC ECO rimette la nostra umanità al centro del suo discorso musicale, prediligendo i tempi lenti e le suadenti trame vocali, perché l’obiettivo principale è permettere alle emozioni di recuperare tutto il terreno perduto, alle persone di riprendersi il controllo del proprio tempo e quindi delle proprie passioni e tenere, infine, sempre aperto un canale di comunicazione reale con i propri ascoltatori, non una banale connessione artificiale da aprire o chiudere con uno stupido click del mouse, ma qualcosa che risulti consistente, significativo e soprattutto familiare. Ciò ha portato alla nascita dell’album “Fifteen” nel Febbraio 2019 e dopo un anno esatto e svariati singoli (“Wish You Were Near”, “Across The Universe” e “Work It Out”), ci porta dritti alle atmosfere incorporee, ma sempre risolute, dei quattro brani inclusi in questo nuovo “February EP”.

Tracklist
[February EP, 2020]
1.All In Time
2.Such A Fucking Cunt
3.Out Of Touch
4.Murphy's Law

[Fifteen, 2019]
1.Fading Out Of Time
2.Teach Yourself
3.That's It Well Done
4.Fifteen
5.Out In The Cold
6.The Heart And Soul
7.Breathing
8.Melancholia Mania
9.Stars
10.Left Out
11.In Silence
12.Gloria Sudafed
13.Never Can Know
14.The Reason Why
15.Little Ones Out Of Time Mix
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...