BEACH BUNNY
Honeymoon

[ Mom + Pop Music - 2020 ]
7
 
Genere: power-pop
Tags:
 
24 Febbraio 2020
 

Attesissimo (dal sottoscritto) l’esordio sulla lunga distanza della band di Lili Trifilio non possiamo dire che deluda, ma non riesce nemmeno ad alzare l’asticella per andare oltre al livello di un 7 in pagella. I Beach Bunny non si complicano la vita. L’andazzo è quello previsto, in bilico tra caramelle pop-punk e andamenti più ciondolanti  e tranquilli. Non sempre la penna melodica traccia però (come invece era accaduto nei singoli apripista) parabole melodiche memorabili, pur dimostrandosi sempre piacevole, sopratutto in “Colorblind” che lavora bene nel variare sensazioni e ritmo nei 2 minuti e 26 secondi di canzone.

Lili mette in campo la sua scrittura senza grossi fronzoli, che funziona sempre benino, anche quando il contorno si fa decisamente spartano (“Racetrack”). I testi sono immediati, tra confessioni, moti d’orgoglio o incazzature giovanili, in bilico tra dispiaceri e possibili speranze che potrebbero essere dietro l’angolo. Pagine di diario che, a 23 anni, possono anche suonare un po’ poco corpose.

Insomma, posso dire che forse mi aspettavo qualcosina in più?

 

Tracklist
1. Promises
2. Cuffing Season
3. April
4. Rearview
5. Ms. California
6. Colorblind
7. Racetrack
8. Dream Boy
9. Cloud 9
 
 

Pearl Jam – Gigaton

Sono abbastanza stufo di sentire da più parti certi commenti riguardo a band che farebbero meglio a ritirarsi in quanto non hanno più ...

Four Tet – Sixteen Oceans

Viaggi mentali – parte prima. Visti i tempi di semi – clausura forzata non resta che viaggiare col cervello. Il nuovo disco di Kieran ...

Roger Eno and Brian Eno – ...

di Luca Rigato Credo che i due fratelli Eno non abbiano bisogno di molte presentazioni. Non è neanche la prima volta che collaborano ...

Moaning – Uneasy Laughter

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo ...

Ultraista – Sister

Viaggi mentali – parte seconda. Ci sono voluti otto anni agli Ultraísta per dare un successore all’esordio omonimo ma “Sister” ...