MURA MASA
R.Y.C.

[ Polydor Records - 2020 ]
6
 
Genere: Synth-pop, elettro-pop, Downtempo
Tags:
 
26 Febbraio 2020
 

Non ci ha messo poi tanto Mura Masa, all’anagrafe Alexander Crossan, a calpestare territori mainstream, soprattutto dopo i due Grammy ottenuti nel 2018 come miglior album dance-elettronico per l’omonimo album d’esordio.

A distanza di tre anni l’enfant prodige di Castel, Regno Unito, ci propone questo sophomore arricchito da tante collaborazioni che fanno seguito a quelle presenti nel debutto (A$AP Rocky, Charlie XCX, Desiigner, Nao e Damon Albarn) e, quindi, a turno troviamo Georgia che presta la sua voce nel leggero pop, in realtà facilmente dimenticabile, di “Live Like We’re Dancing” oppure il fenomeno Clairo nelle prevedibili note di “I don’t think i can do this again”.

Il disco corre spedito nei quasi 38 minuti sin dalla title track, giustamente collocata come opener, e la varietà degli episodi – seppur accomunati dai soliti synth di evidente impronta EDM – contribuisce a rendere il tutto un po’ più intrigante e si odono, dunque, apprezzabili note.

Come momenti migliori del disco si ritagliano spazio le tracce scevre da collaborazioni. Nel secondo singolo estratto “No Hope Generation” si fondono autotune e drum’n’bass laddove la psichedelica “In my Mind” lascia spazio a “Vicarious Living Anthem” nella quale il menu prevede un piatto servito con circa due minuti di electro post-punk.

A dire il vero, il featuring di Tirzah in “Today”e di Ellie Rowsell dei Wolf Alice nella eterea quanto a tratti rumorosa “Teenage Headache Dreams” probabilmente toccano l’apice massimo al quale “R.Y.C.” può ambire. Ad aggiungere un tocco d’autore ulteriore ci pensa Slowthai con la sua partecipazione al poppeggiante hip-hop di “Deal Wiv it” che ha il compito di rilanciare un disco assolutamente non banale ma semplice e a volte scontato.

La closing track “(Nocturne For Strings And A Conversation)” si adagia su onde rilassanti suggellando l’unico momento strumentale di un album non propriamente solare ancorché si rivela a volte interessante.

Tracklist
1. Raw Youth Collage
2. No Hope Generation
3. I Don't Think I Can Do This Again
4. A Meeting At An Oak Tree
5. Deal Wiv It
6. Vicarious Living Anthem
7. In My Mind
8. Today
9. Live Like We're Dancing
10. Teenage Headache Dreams
11. (Nocturne For Strings And A Conversation)
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...