TENNIS
Swimmer

[Mutually Detrimental – 2020]
7
 
Genere: Indie pop
Tags: ,
 
26 Febbraio 2020
 

Molti esseri umani vorrebbero fare la vita di Patrick Riley e Alaina Moore, coppia sul palco e fuori che si concede lunghi viaggi in barca a vela in cui trova spesso ispirazione per gli album che dal 2011 pubblica a nome Tennis. “Swimmer” è il quinto dopo “Cape Dory”, “Young & Old”, “Ritual in Repeat” e “Yours Conditionally” ed è nato dopo un viaggio nel golfo di California, che separa California e Messico.

Trentuno minuti in cui i Tennis tornano a parlare di sentimenti alla loro maniera. La voce di Alaina Moore è la vera protagonista di nove brani arricchiti da arrangiamenti ben curati, più complessi che in passato (lo si intuisce fin dalle prime note di “I’ll Haunt You”). Ballate orecchiabili e brani pop più movimentati come “Need Your Love” legata a doppio filo a “How To Forgive”, visto che sono state scritte in rapida successione, o il divertente singolo “Runner” convivono senza troppi problemi.

Piano, sintetizzatori e un sound più pulito, molto easy listening accompagnano una mezz’ora che scorre leggera, godibile senza troppe sorprese. Compare a volte una chitarra acustica (“Echoes”) ma Patrick Riley e Alaina Moore sembrano non voler correre rischi, organizzando ogni pezzo con ordine, poche bizzarrie e qualche emozione (vedi “Late Night”). Cosa diventerebbero se si lasciassero andare di più musicalmente, viene da pensare ascoltando “Swimmer” o il tropicalismo perfetto di “Tender As A Tomb” ma probabilmente non lo sapremo mai.

La chiusura affidata a “Matrimony II” conferma la bontà della voce di Alaina Moore, cresciuta molto in questi anni e ormai capace di dominare la scena veleggiando tra sicurezza e vulnerabilità aiutata anche dal mixaggio cristallino di Claudius Mittendorfer (Panic! At The Disco, Parquet Courts). Sono maturati i Tennis in un disco ancora più pop e a tratti malinconico, con melodie sufficienti da bastare per circa un secolo.

Tracklist
1. I'll Haunt You
2. Need Your Love
3. How To Forgive
4. Runner
5. Echoes
6. Swimmer
7. Tender As A Tomb
8. Late Night
9. Matrimony II
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...