WILD NOTHING
Laughing Gas EP

[ Captured Tracks - 2020 ]
6.5
 
Genere: indie-pop, alt-pop
 
di
26 Febbraio 2020
 

di And Back Crash

Prosegue la mutazione del progetto di Jack Tatum, che con questo grazioso EP si concede un’ulteriore digressione nel romanticismo anni ’80, portando a compimento una parabola che dalle premesse indie sfumate di post-punk di “Gemini” (e dal fors’anche superiore EP “Golden Haze”) ha condotto, via le tappe intermedie di “Nocturne” e “Life of Pause”, al sofisticato pop di “Indigo”. L’ultima idea artistica di Tatum, lasciare una patina lo-fi a brani agghindati con ritornelli orecchiabili ed eleganza rétro, è un’operazione nostalgia che, nell’epoca della “vaporwave”, non regala niente di rivoluzionario (ma forse porta danaro).

La sensazione di trovarsi intorno all’Anno Domini 1984 è immediata al primo ascolto: è fin troppa la spavalderia con cui si raffigurano discepoli dei Duran Duran col cocktail in mano (“Sleight of Hand”) battibeccarsi con omologhi degli Spandau Ballet intrisi di whisky in un fumoso bistrot (“The World is a Hungry Place”). Il singolo, “Foyer”, non è che synthpop del filone più maturo, quello di Thompson Twins e ABC. Se già da “Gemini” si scorgevano in nuce avvisaglie di questa traiettoria, si può azzardare l’operazione inversa e rintracciare le coordinate del delizioso e naïf sound degli esordi nel jangle pop di Aztec Camera e Felt (in “Dizziness” e soprattutto “Blue Wings”, forse il brano di punta). I Prefab Sprout queste cose le facevano più di 30 anni fa.

Ciò che salva gli Wild Nothing è il talento melodico di Tatum, uno dei pochi che oggigiorno sa come scrivere e arrangiare canzoni pop di facile presa senza eccedere in dozzinalità. Nell’insieme il divertissement vale il prezzo del biglietto e regala venti piacevoli minuti con cui rilassarsi sorseggiando un buon bicchiere di vino, speculando sulla caducità dei sentimenti sprofondati in un comodo divano.

Tracklist
1. Sleight Of Hand
2. Dizziness
3. Foyer
4. Blue Wings
5. The World Is A Hungry Place
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...