MAZZY STAR: LA TOP 10 BRANI

 
27 Febbraio 2020
 

Giunge improvvisa la notizia della morte di David Roback polistrumentista, compositore e co – fondatore dei Mazzy Star. Secondo lutto in pochi anni dopo la scomparsa del batterista Keith Mitchell nel 2017. Un altro pezzo di storia che se ne va, a poche settimane di distanza da Andy Gill dei Gang Of Four. Ricordiamo la carriera di Roback con dieci brani dedicati ai Mazzy Star e non solo.

10 – KALEIDOSCOPE

1983, da “Emergency Third Rail Power Trip”

California, primi anni ottanta. Il movimento poi chiamato Paisley Underground si fa strada a suon di chitarre e melodie dolcemente psichedeliche. Ne facevano parte i The Rain Parade e David Roback era chitarrista e produttore del primo album “Emergency Third Rail Power Trip”

9 – FELL FROM THE SUN

1989, da “Early Recordings”

Lasciati i Rain Parade, Roback ha formato gli Opal insieme a Kendra Smith dei Dream Syndicate e Keith Mitchell. “Fell From The Sun” è il loro primo singolo e già si vedono i segni del futuro che verrà

8 – BEFORE I SLEEP

1990, da “She Hangs Brightly”

Hope Sandoval sostituisce la Smith e nascono i Mazzy Star. Le atmosfere si fanno più dolci. Roback riesce a trovare ciò che cercava nel timbro fruttato della Sandoval, una forza delicata evidente già dagli esordi ad inizio anni novanta soprattutto in questa sognante “Before I Sleep”

7 – RIDE IT ON

1990, da “She Hangs Brightly”

Ride it on baby” … sempre dall’album numero uno qui in una speciale versione live di qualche anno dopo. 1994, Bridge School Benefit di Neil Young

6 – HAPPY

1996, da “Among My Swan”

La musica dei Mazzy Star era fatta anche di riverbero, melodia e scintillii anni settanta come nel terzo album che recuperiamo con un bel salto nel tempo

5 – FLOWERS IN DECEMBER

1996, da “Among My Swan”

Ancora “Among My Swan” con il singolo gentile, “Flowers In December” e la sua armonica dai mille colori

4 – SPARROW

2013, da ” Seasons Of Your Day”

Altro salto nel tempo per recuperare i Mazzy Star del nuovo millennio, tornati dopo anni in cui hanno scritto molto senza pubblicare nulla. Maturi nei suoni, sempre poetici e onirici in quello che probabilmente rimarrà il loro ultimo disco

3 – CALIFORNIA

2013, da “Seasons Of Your Day”

Penombra e giochi di luce nella “California” dei Mazzy Star. “I think I’m going back” con un po’ di nostalgia, chitarre e voce che si parlano in cinque minuti di puro istinto musicale

2 – INTO DUST

1993, da “So Tonight That I Might See”

Primi due posti forse scontati, dedicati a un album capace di farsi strada coi suoi ritmi gentili tra camicie di flanella, capelli al vento e rabbia. Anche la gentilezza può essere forza se fa leva sui sentimenti giusti …

1 – FADE INTO YOU

1993, da “So Tonight That I Might See”

Poteva forse mancare? No, certo che no. Il brano più noto, quello più usato nelle colonne sonore, che ancora colpisce con le sue armonie e il tono dolce che oggi improvvisamente sembra molto più triste

BONUS TRACK – OPAL – GHOST HIGHWAY

1988, da “Rough Trade Promo”

Piccola chicca di cui si è molto parlato tempo fa … prima versione del brano poi rielaborato in “She Hangs Brightly”. E voi quale preferite?

Credit foto: Press Here

 

Guarda il video di “Tell Me ...

“Tell Me When The Lights Turn Green” è il nuovo singolo dei Candy Opera tratto dal loro album “The Patron Saint of ...

Viagra Boys – Welfare Jazz

Dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro debutto full-length, “Street Worms”, uscito a settembre 2018, i Viagra Boys ritornano con ...

“La brigata sono gli amici ...

Venerdì 22 gennaio è uscito il suo secondo lavoro da solista, “Brigata Bianca”, che sta ottenendo ottimi riscontri e segna per ...

WEEKLY RADAR #65: Glitoris

Attiviamo il radar e scandagliamo in profondità un universo musicale sommerso: vi racconteremo una band o un artista ‘nascosto’ che ...

TRACK: Sgrò – Maledizione

Oramai, ad ogni uscita di Sgrò, non posso mancare di parlarne; con il cantautore lucchese, infatti, ho stretto un tacito vincolo ...