SQÜRL
Some Music For Robby Müller

[ Sacred Bones - 2020 ]
7
 
Genere: noise,drone-rock
 
27 Febbraio 2020
 

Jim Jarmusch e il fido compagno di scorribande sonore, il producer e compositore Carter Logan, tornano a imbracciare gli strumenti sotto la sigla SQÜRL a un anno di distanza dalla colonna sonora di “The Dead Don’t Die”, commedia horror scritta e diretta dallo stesso Jarmusch.

“Some Music For Robby Müller” è il sentito e riuscitissimo omaggio con cui Jarmusch si commiata dall’amico fraterno, nonché mentore, Robby Müller, direttore della fotografia scomparso nel 2018, con il quale Jim ha condiviso migliaia di ricordi indelebili su set di pellicole cult (su tutte “Down By Law” e “Dead Man”).

Il disco accompagna il docufilm “Living The Light”, a firma Claire Pijman, incentrato proprio su Müller, rievocato dai ricordi dei suoi amici più cari, e dove fa capolino la testimonianza dello stesso Jarmusch.

Ed è così che senza macchina da presa al seguito al buon Jim bastano sei pezzi strumentali per ridare lustro all’opera di Robby. Giri di chitarra fragili, climax volutamente opaco che non deflagra mai, tutto incentrato su continui contrasti tra luci e ombre ottenuti con attacchi celestiali e laceranti code epiche che si propagano in loop fino a stringere il cuore e gonfiare gli occhi.

Abbinato alla visione di “Living The Light” la musica degli SQÜRL si fa nostalgia incolmabile e lascia un epitaffio segnante alla memoria del maestro Robby Müller.

Credit Foto: Sara Driver

Tracklist
1. Robby’s Theme
2. Dutch Light On Silver Water
3. In A Lonely Place
4. Magic Hour
5. While Vermeer Was Sleeping
6. Robby’s Theme (Variation)
 
 

Pearl Jam – Gigaton

Sono abbastanza stufo di sentire da più parti certi commenti riguardo a band che farebbero meglio a ritirarsi in quanto non hanno più ...

Four Tet – Sixteen Oceans

Viaggi mentali – parte prima. Visti i tempi di semi – clausura forzata non resta che viaggiare col cervello. Il nuovo disco di Kieran ...

Roger Eno and Brian Eno – ...

di Luca Rigato Credo che i due fratelli Eno non abbiano bisogno di molte presentazioni. Non è neanche la prima volta che collaborano ...

Moaning – Uneasy Laughter

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo ...

Ultraista – Sister

Viaggi mentali – parte seconda. Ci sono voluti otto anni agli Ultraísta per dare un successore all’esordio omonimo ma “Sister” ...