PAOLO BENVEGNU’: LA TOP 10 BRANI

 
3 Marzo 2020
 

Paolo Benvegnù è tornato da poco sulle scene con il singolo “Pietre” (antipasto dell’imminente album “Dell’Odio Dell’Innocenza” atteso il 6 marzo), che lo conferma non solo autore di razza ma ormai una delle più importanti e imprescindibili voci del panorama musicale italiano. Catalogarlo in un genere, in una nicchia appare francamente riduttivo. Qui non si tratta più di indie, rock, di una moderna forma di canzone d’autore: siamo davanti, prova dopo prova, a un artista sensibile e raffinato in grado, con le sue canzoni, di andare in profondità delle cose e di porsi quesiti significativi sulla vita, sull’umanità, sull’universo. E lo fa attraverso sonorità magnetiche e parole davvero mai banali, sin dai tempi in cui era frontman viscerale ed elegante assieme, dei mitici Scisma, gruppo tra i più originali e indimenticati degli anni ’90.
Non è mai stato Paolo un cantautore “da singoli”, non ci sono vere hit nel suo catalogo; i suoi album sono spesso degli autentici viaggi in cui perdersi e poi ritrovarsi, dove non è necessaria o preminente la presenza di un brano apripista. Invero è stato in grado di mantenere uno standard qualitativo quasi senza eguali, pertanto posso ben immaginare che vi siano tante “Top 10 brani” valide nel suo caso.
Io vado a mettere in fila – le posizioni sono piuttosto simboliche e facilmente intercambiabili – quelle che sono le canzoni che per me significano tanto, con una bonus track (concedetemela) nostalgica targata Scisma.
Ecco quindi la mia Top 10 brani di Paolo Benvegnù.

10 – GOODBYE PLANET HEART

2017, da “H3+”

Il mio corpo è un astronave
Ma sembra quasi una prigione
È come l’indulgenza la preveggenza

Non riconosce ciò che stato
Il creato e l’increato
Capire è un insolenza
Disobbedire alla disobbedienza

9 – MOSES

2011, da “Hermann”

Ma sotto i cieli immensi
C’è una terra da spartire
E infliggere le regole
Distruggere per costruire
Davanti ai cieli immensi che non puoi desiderare
Infliggi le tue regole
Distruggere per conquistare

8 – IL NEMICO

2008, da “Le labbra”

Non vedo più non sento
quest’ansia di arrivare
sul tuo ventre caldo
depositare il seme mentre mi sto uccidendo

ti ho visto immobile nel desiderio
senza nessun bisogno di tornare
e poi pregare per ricominciare
a costruire

7 – IL SENTIMENTO DELLE COSE

2004, da “Piccoli fragilissimi film”

Non riusciamo a considerare che le nuvole ci guardano e i mari ci controllano, le piante si difendono e i libri ci feriscono
perché manchiamo della necessaria dignità

6 – IL MARE VERTICALE

2004, da “Piccoli fragilissimi film”

Vivere per immaginare per percepire il solo senso che ha

Ma io lascio che le cose passino e si sfiorino

Perché non sono in grado di comprenderle

Essere deboli in un mare verticale

5 – SE QUESTO SONO IO

2017, da “H3+”

E se mi vedrai nel mare
Allora dovrai bere dalle mie mani
E abbandonarmi, sì, incosciente
Inafferrabile e seducente
E se ancora vuoi chiamarmi amore
E regalarmi un addio
Che ogni sogno sia il tuo
Che il tuo sogno sia il mio

4 – CERCHI NELL’ACQUA

2004, da “Piccoli fragilissimi film”

E fermarsi un istante per considerare
Che il respiro è un dettaglio che ci rende uguali
Come cerchi nell’acqua che non sanno nuotare
E si infrangono
Frantumare le distanze.
Superare le esistenze
E riconoscersi per creare

3 – HANNAH

2014, da “Earth Hotel”

Lasciati respirare in questa stanza vuota

Che si riempie della luce del mattino

E nei tuoi occhi aperti verticali verso l’orizzonte

Dove non c’è Paura, Miseria e Delusione

2 – AVANZATE, ASCOLTATE

2011, da “Hermann”

Anima, avanzate
Cogliete i fiori ed adornatevi
Tingetevi le labbra
Così che possa riconoscervi
E sussurrate al vento il vero amore
Che i figli possano abbracciare i padri
E tornare a vivere
E a scegliere

1 – OLOVISIONE IN PARTE TERZA

2017, da “H3+”

Se tu sei
Allora sono anch’io
Allora tutto è stato
Ma non ti fa sorridere il passato
La timidezza
L’ineguagliabile bellezza
La giovinezza
Ma quando riusciremo a sfiorarci
Sarà l’incanto dell’amore a illuminarci

BONUS TRACK#1 – IO E IL MIO AMORE

2010, da “Dissolution”

Ne ho già visti come te stare in silenzio assenti fucilare gli innocenti e i propri comandanti, perché l’uomo prega Dio ma preferisce Giuda e muore senza vivere.
Solo io e il mio amore

BONUS TRACK#2 – L’UNIVERSO

1999, da “Armstrong” degli Scisma

L’universo
è stralci di rivista in alba livida
nel vento freddo
e schiudersi in sogno
l’universo è come sentire che chiami

 

ALBUM: Federico Cacciatori – ...

Federico Cacciatori è un nome nuovo per la scena musicale nostrana, ma sembra avere già le idee chiare – e in controtendenza – ...

ALBUM: West Coast Music Club ...

Non ho mai camminato, o trascinato il mio corpo, sui sentieri di Ashton Park, quello in West Kirby intendo. Martin Adams, leader del  ...

ALBUM: Escare – Infinity Care

Il fermento della scena musicale indipendente di Portland, in Oregon, non lo scopriamo certo oggi. E tra i molti nomi degni di nota, ci ...

I’m Thinking Of Ending Things ...

Mentre solitamente adoro i film di altri registi su sceneggiatura di Kaufman, con quelli che lui si scrive e dirige in proprio ho sempre ...

I Loop firmano con la Cooking Vinyl ...

La Cooking Vinyl ha annunciato oggi un meraviglioso ‘acquisto’: i Loop, storica band shoegaze/space rock inglese di fine anni ...