REAL ESTATE
The Main Thing

[Domino - 2020]
7
 
Genere: indie-pop,dream-pop
 
4 Marzo 2020
 

Sono passati quasi tre anni dal delizioso “In Mind”, ma questo weekend segna il gradito ritorno in formato full-length dei Real Estate con questo “The Main Thing”.

Scritto nel corso di un anno e influenzato dalle ansie per le future generazioni, questo quinto LP della band indie-pop del New Jersey è stato registrato insieme al produttore Kevin McMahon, già al loro fianco per “Days” (2011).

Si cammina su terreni nostalgici e sognanti con “Gone”, dove le chitarre jangly si muovono soffici su splendide melodie, disegnate anche con l’aiuto dei synth e soprattutto della voce sempre gentile e riflessiva del frontman Martin Courtney.

Interessante il primo singolo, “Paper Cup”, che vede la partecipazione di Amelia Meath dei Sylvan Esso: le influenze synth-pop dalle venature ‘80s sono arricchite da eleganti arrangiamenti, armonie e ovviamente da un grande senso melodico e non possiamo nemmeno nascondere la voglia di muovere il piede, grazie a quelle percussioni che hanno un non so che di esotico.

La title-track “The Main Thing” è vivace e briosa e potrebbe diventare presto un classico della discografia dei Real Estate con quei suoi gustosi toni indie-pop, ormai tipici del gruppo del New Jersey.

“Silent World” ci presenta la sua malinconica nostalgia attraverso una leggera chitarra, supportata da una drum-machine, ma anche da preziosi archi, mentre “Falling Down” sa emettere uno speciale calore e conforto con i vocals di Courtney che entrano immediatamente nel cuore dei fan.

I Real Estate non hanno mai preteso di essere degli innovatori, ma sanno fare bene ciò che gli è più caro e, album dopo album, cercano di migliorare e di arricchire il loro suono con piccoli nuovi dettagli, portandoci ancora una volta un lavoro gradevole e rilassante: “The Main Thing” potrebbe essere la colonna sonora degli ultimi giorni dell’estate, un buon modo per condurci con affetto verso l’autunno con quel suo tocco indie-pop agrodolce.

Photo Credit: Jake Michaels

Tracklist
1. Friday
2. Paper Cup [ft. Sylvan Esso]
3. Gone
4. You
5. November
6. Falling Down
7. Also A But
8. The Main Thing
9. Shallow Sun
10. Sting
11. Silent World
12. Procession
13. Brother
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments