CARIBOU
Suddenly

[ Merg - 2020 ]
7
 
Genere: Elettronica, Cantautorato
Tags: ,
 
di
6 Marzo 2020
 

Un lustro da “Our Love” e una decade da “Swim”, probabilmente l’album che ha fatto conoscere Dan Snaith aka Caribou (ma anche Manitoba e Daphni nelle sue escursioni più danzerecce) ai più, ecco il canadese rifare capolino con questo “Suddenly”, ultima sua fatica discografica.

Non più un giovanotto il 42enne Daniel Victor Snaith, e con alcune tribolazioni e vicissitudini personali che giocoforza non possono non influenzare il lavoro dell’artista: ecco, non ci sono le atmosfere e il trasporto dei pezzi più IDM della sua produzione. “Suddenly” è un disco educato, incentrato specie nella prima metà quasi più sul lato cantautorale (lo stesso Dan ci mette la voce, spesso ai limiti del sussurrato, in gran parte dei brani) che su quello strumentale. Un lavoro a tratti docile, intimo, dove i bagliori non sono certo accecanti, e il trasporto calibrato.

Flirta con l’hip-hop a braccetto col jazz ed il pianoforte più classico nel calderone di “Sunny’s Time”, col soul nero di Gloria Barnes in “Home”, ma il marchio di fabbrica Caribou, anche quando il fuoco è più sulla parola che sul suono e le traiettorie più morbide e dilatate, non si nasconde di certo. I brani migliori risultano essere la ninna nanna “Sister”, “You and I” e la più pimpante e ballabile “Never Come Back”, anche se nel finale pezzi come la raffinata “Magpie” e il four-on-the-floor di “Ravi” brillano di luce propria.

“Suddenly” ha i tratti di un lavoro schietto, diretto, elegante ma non impegnativo: il che ci ricorda come Caribou sia sempre ed ancora un nome importante del settore, ed avrà così sicuramente modo di arricchire i suoi (eccellenti) live senza di certo avere la pretesa di essere, questo, il suo capolavoro.

Credit Foto: Thomas Neukum

Tracklist
1. Sister
2. You and I
3. Sunny's Time
4. New Jade
5. Home
6. Lime
7. Never Come Back
8. Filtered Grand Piano
9. Like I Loved You
10. Magpie
11. Ravi
12. Cloud Song
 
 

Francesco Bianconi – Forever

Con i Baustelle in “fermo biologico concordato” (ipse dixit) ecco l’album solista, il primo, di Francesco Bianconi, ...

Autechre – Sign

Si è dovuto attendere sette anni per avere un vero e proprio nuovo album degli Autechre ma, in fin dei conti, ne è valsa la pena. Perché ...

The Bluebeaters – Shock!

Copertina coloratissima, una partnership con Garrincha Dischi, dodici brani inediti cantati in italiano. Ormai metabolizzata la partenza di ...

Ed Harcourt – Monochrome to ...

Ed Harcourt ce la sta mettendo tutta per smarcarsi dai territori pop rock di inizi carriera, quando era (giustamente) considerato uno dei ...

Young Knives – Barbarians

Mancavano dalle scene musicali da ben sette anni i fratelli Henry e Thomas “The House of Lords” Dartnall, che con il batterista ...