OGGI “ABOVE” DEI MAD SEASON COMPIE 25 ANNI

 
14 Marzo 2020
 

La pazza stagione di Seattle è passata anche da “Above”. Primo disco dei Mad Season, progetto che riuniva Mike McCready (Pearl Jam) Barrett Martin (Screaming Trees) Layne Staley (Alice In Chains) John Baker Saunders (futuro bassista dei The Walkabouts) con la partecipazione di Mark Lanegan. Un incontro fortuito quello tra McCready e Baker Saunders, avvenuto tra le mura di un centro di disintossicazione di Minneapolis (Minnesota) dove entrambi erano arrivati vittima delle rispettive dipendenze.

Tornato a Seattle, mentre i Pearl Jam preparavano l’operazione “Vitalogy”, McCready ha formato il suo personale gruppo di auto aiuto riunendo ai Bad Animals Studios un gruppo di anime affini e coinvolgendo Layne Staley nella speranza (poi rivelatasi vana) di convincerlo a restare sobrio. Dieci brani registrati in una settimana, composti in modo fluido e spontaneo senza aspettative o pressioni, impreziositi dalla presenza del duo degli Screaming Trees: la suadente e ritmata batteria di Barrett Martin e la voce di Mark Lanegan, potente e armoniosa in “I’m Above” e “Long Gone Day”.

Una fusione perfetta, come quella tra la chitarra di McCready e il cantato di Layne Staley. Autore della copertina e di tutti i testi, Staley era arrivato in studio con “Il Profeta” di Kahlil Gibran sotto il braccio infondendo nuova vita a “River Of Deceit” (di cui esisteva fino a quel momento solo la musica) e creando ex novo emozionanti storie di perdita e redenzione come “Wake Up”, “Artificial Red” o “Lifeless Dead”.

I Mad Season descrivevano i colori plumbei del cielo di una Seattle che stava cambiando ma non aveva ancora l’aura tecnologica di oggi. “Above” era un respiro, un frammento di vita racchiusa tra le porte di “November Hotel”, splendido brano strumentale dai toni autunnali che sfumava nella disperazione cristallina di “All Alone”, desolato grido di dolore di un Layne Staley che forse aveva capito già allora come sarebbe andata a finire.

Data di pubblicazione: 14 marzo 1995
Registrato: Inverno 1994, Bad Animals Studios, Seattle
Tracce: 10
Lunghezza: 55:36
Etichetta: Columbia
Produttori: Brett Eliason, Mad Season

Tracklist
1. Wake Up
2. X-Ray Mind
3. River of Deceit
4. I’m Above
5. Artificial Red
6. Lifeless Dead
7. I Don’t Know Anything
8. Long Gone Day
9. November Hotel
10. All Alone

 

“Gigaton” e la ...

di Elena Castagnoli Sono tempi difficili, amplificati da un virus che attanaglia il mondo, costringe alle mura domestiche e a circondarsi ...

Album posticipati e annullati ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Oggi “A.M.” degli Wilco ...

Finita l’avventura degli Uncle Tupelo, alle metà degli anni ’90, Jay Farrar metterà su i Son Volt, mentre l’altro ...

Oggi “2020 Speedball”dei ...

Strano come le parole acquistino col tempo significati diversi. Prendiamo l’inizio dell’energica “2020” che con le sue chitarre ...

Oggi “King For A Day…Fool ...

I mesi a cavallo tra la fine del 1994 e l’inizio del 1995 furono alquanto turbolenti per i Faith No More. Una volta raggiunto quello che ...