HUMANIST
Humanist

[ Ignition Records - 2020 ]
7.5
 
Genere: Indie-rock, post-punk, synth-pop, alternative-rock
 
16 Marzo 2020
 

Humanist è un progetto di Rob Marshall, ex chitarrista degli Exit Calm, che ha tratto ispirazione dall’improvvisa scomparsa di Gavin Clarke, grande cantante dei Clayhill, morto nel febbraio del 2015.

L’album è stato interamente scritto, prodotto e suonato da Marshall di fatto rendendolo il suo debutto da solista. Le partecipazioni sono di altissimo livello composte da musicisti che non hanno bisogno di presentazioni. Sedetevi, la lista è lunga, a partire da mostri sacri quali Dave Gahan e Mark Lanegan – che peraltro ha già collaborato con Marshall nei suoi due album “Gargoyle” del 2017 e “Somebody’s Knocking” del 2019 – passando per Mark Gardener (Ride), Carl Hancock Rux (David Holmes, Portishead), John Robb (The Membranes), Joel Cadbury (UNKLE), Ilse Maria, Ron Sexsmith and Jim Jones (The Jim Jones Revue, Thee Hypnotics).

A questo punto vi starete chiedendo qual è il risultato che scaturisce da tutto queste presenze. Be’, il risultato non poteva che essere strabiliante, un disco che si lascia ascoltare tutto di un fiato e senza fatica in tutti i 15 brani, dove è difficile trovare un passo falso.

Dopo un passabile intro, spetta proprio a Lanegan aprire le danze prima con una “synthetizzata” quanto ruvida “Kingdom” e poi con la successiva e ben arrangiata “Beast of The Nation” dove la grezza chitarra di Marshall domina la scena, il tutto apparecchiato per l’inconfondibile ed eccitante voce di Dave Gahan sulle note dell’allegro inno synth-rock “Shock Collar”.

Esattamente in contrasto con il sound gaio di Gahan si collocano “Lie Down” e soprattutto l’ansiosa e oscura “Ring Of Truth” – che, tra l’altro, è stato il primo singolo rilasciato da Marshall nell’estate scorsa – con Rux dei Portishead.

Ancora Lanegan ruba la scena con altri due ottimi brani, con l’ossessiva”Skull” e con la closing track “Gospel” caratterizzata da un canto corale etereo supportato dalle distorte note di Rob.

L’album seppur, come detto in precedenza, scorre senza fatica skip by skip non segue un filo conduttore e, quindi, si viene travolti ora da momenti shoegaze come in “When The Lights Go Out” lasciato alle mani esperte di Mark Gardener dei Ride ora in momenti decisamente più soft con le deliziose ballate “How’re You Holding Up” e, soprattutto, “Truly Too Late” nella quale incanta il bellissimo featuring di Ilse Maria.

Rob Marshall ha concepito davvero un buon prodotto dove oscure atmosfere si mescolano a momenti più esuberanti, quindi, senza che una nota alcuna risulti stonata o fuori contesto. Le partecipazioni sono importanti, certo, ma tutti gli artisti presenti si sono calati nel progetto senza nessuna arroganza, senza strafare anche nei pezzi dove si è osato un po’ di più come negli otto minuti di puro new-wave di “English Ghosts” oppure nell’inquietante “Mortal Eyes”, senza dimenticare la psichedelica “In My Arms Again” con Joel Cadbury  dgli Unkle.

Insomma, la forza di questo album è l’assoluta freschezza e naturalezza che traspare da ogni singola traccia dove musicisti di calibro elevatissimo si sono messi a disposizione di Marshall, o viceversa perché no, per realizzare un’opera che difficilmente verrà dimenticata.

Credit Foto: Kate Smith

Tracklist
1. Intro
2. Kingdom (feat. Mark Lanegan)
3. Beast of The Nation (feat. Mark Lanegan)
4. Shock Collar (feat. Dave Gahan)
5. Lie Down (feat. Madman Butterfly)
6. Ring Of Truth (feat. Carl Hancock Rux)
7. Skull (feat. Mark Lanegan)
8. English Ghosts (feat. John Robb)
9. In My Arms (feat. Joel Cadbury)
10. When The Lights Go Out (feat. Mark Gardener)
11. Truly Too Late (feat. Ilse Maria)
12. How’re You Holding Up (feat. Ron Sexsmith)
13. Mortal Eyes (feat, Carl Hancock Rux and Joel Cadbury)
14. Shoot Kill (feat. Jim Jones)
15. Gospel (feat. Mark Lanegan)
 
 

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...

Pure Bathing Culture – ...

E’ sempre un piacere ritrovare i Pure Bathing Culture, sopratutto quando lo stato di forma pare buono. Non ci sono particolari novità ...

Japandroids – Massey Fucking ...

Brian King e David Prowse sono animali da palco, ognuno a modo proprio: il primo suda come fosse una sessione di CrossFit ad alta ...

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...