VIAGRA BOYS
Common Sense

[ Year0001 - 2020 ]
7.5
 
Genere: Post punk, indie rock
 
18 Marzo 2020
 

Nella nuova ondata post punk, che ci ha regalato ottime band da ogni parte del mondo, un posto di primo piano lo hanno sicuramente occupato gli svedesi Viagra Boys che nel 2018, con il loro album di debutto ” Street Worms “, avevano attirato l’attenzione di molti.

La band è nata dall’incontro di alcuni ragazzi che già facevano parte di altre band, Les Big Byrd, Pig Eyes e Nitad con Sebastian Murphy originario di Los Angeles che all’epoca faceva il tatuatore, rivelatosi poi un vero animale da palcoscenico.

Tornano ora a sorpresa con un EP di pezzi nuovi, nei quali ripropongono il loro sound mostrando comunque alcuni cambiamenti, quattro nuovi brani decisamente interessanti che confermano che la band ha qualità e che ci fa sperare in  un nuovi lavori ancora più importanti.

Il primo brano  è ” Common Sense ” che ha un andamento tutto sommato non  particolarmente sorprendente mentre il frontman Sebastian Murphy, descrive la propria condizione di difficoltà quotidiana in un testo che lascia meno spazio al noto lato ironico della band.

Il risultato finale è un pezzo che si muove tra sogno e incubo, per certi versi anche elegante è impreziosito dalla presenza del sax.

La traccia successiva, “Lick the Bag”, sembra invece riprendere il loro album di esordio, un pezzo entusiasmante nel quale un sax stralunato si sposa bene con l’andamento punk rock, mentre il testo si muove descrivendo una vita estrema fuori dagli schemi.

“Sentinel Island” terzo brano, vede ancora la presenza dei fiati, con una melodia che a tratti fa venire in mente i Clash, e un testo nel quale è ancora il nichilismo punk a tracciare una storia velenosa.

L’ EP si chiude con “Blue”, dove la distorsione vocale rende Murphy un crooner inquietante che cerca di farsi perdonare il suo essere così sbagliato.

Quattro brani interessanti dove i Viagra Boys appaiono meno ironici e divertenti nei testi ma che confermano senza alcun dubbio la loro abilità nel costruire pezzi decisamente interessanti

Tracklist
1. Common Sense
2. Lick The Bag
3. Sentinel Island
4. Blue
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

The Afghan Whigs – How Do You ...

Greg Dulli è quel bambinone che tutti vorremmo avere come fratello maggiore, da cui prendere l’energia quando viene, da strozzare ...

Pale Blue Eyes – Souvenirs

Album di debutto per i Pale Blue Eyes band composta da tre elementi, i coniugi Matt e Lucy Board e il bassista Audrey Simpson, ragazzi che ...

Ozzy Osbourne – Patient ...

A fine febbraio 2020 – quindi pochissime settimane prima dell’inizio della pandemia, dei lockdown e delle varie sciagure che hanno ...

Pencey Sloe – Neglect

È un album tutto incentrato sul tema dell’identità quello che ci regalano i Pencey Sloe, band francese nata pochissimi anni fa ma già ...

Death Cab For Cutie – Asphalt ...

La pandemia ha rischiato di mettere in seria difficoltà i Death Cab For Cutie: Ben Gibbard, Nicholas Harmer, Jason McGerr, Dave Depper e ...

Recent Comments