OGGI “OLYMPIAN” DEI GENE COMPIE 25 ANNI

 
Tags: ,
20 Marzo 2020
 

Dimentichiamo la mancata celebrazione di questo disco come avrebbe meritato, dimentichiamo le schermaglie tra Martin e il resto della band, dimenticate il concerto d’addio che lo stesso Martin terrà come solista il 13 giugno con, inevitabilmente, un bel po’ di brani dei Gene...ce la fate? Io no. Non ci riesco. Ma lo spettacolo deve continuare e ora mi troverei “costretto” (fossero queste le costrizioni, lo so) a scrivere di un disco che amo alla follia. Eppure non ce la faccio. Il segno di quello che è successo tra l’ex cantante e gli altri tre musicisti, nell’agosto dell’anno scorso, non è ancora andato via e mi ha lasciato una terribile amarezza, che proprio non mi passa nemmeno a distanza di mesi, ecco che quindi andrò a riprendere un mio “vecchio” articolo sul disco, scritto ai tempi del mio glorioso blog sul britpop. La passione, la stima e l’emozione verso questo album che oggi compie ben 25 anni sono più che visibili e lampanti anche in questo scritto, spero vi possa bastare,  perché di mettermi a scrivere qualcosa di nuovo su questo lavoro no, per il momento, ancora non ce la faccio.

Era attesissimo questo disco in Uk nel 1995. I Gene avevano sorpreso tutti con un suono che evocava in modo diretto e lampante gli Smiths. I loro precedenti singoli, ricchi di forti emozioni e di un incantevole calore erano quotatissimi e avevano fatto crescere a dismisura l’attesa, quindi questo “Olympian” era davvero il momento della verità, e non sbagliarono.
Il poeta Martin Rossiter e il chitarrista Steve Mason riuscirono a trasmetterci uno spirito romantico, evocato da canzoni ricche di tinte umorali e sognanti, certo molto vicine agli Smiths, ma, risentendolo ancora e ancora anche a distanza di anni, non ci stupiamo affatto della costanza con il buon Rossiter parlava di gente come Jam o Style Council (non a caso Mick Talbot suonerà in tour con gli stessi Gene) come veri termini di paragone. Troppo facile definirli epigoni degli Smiths, troppo scontato.

Martin ci parla di delusioni, di amori finiti o difficili, di quelle inquietudini che ogni giorno ci colpiscono e lo fa con quello spirito uggioso e umorale fortemente inglese, capace di amplificarsi anche nei tratti chitarristici di Mason, così precisi e morbidi tanto quanto taglienti e fantasiosi, sempre attenti anche al minimo dettaglio.
Vogliamo essere sinceri? Tutto funziona così bene che sembra quasi impossibile, a tal punto che il gruppo, a eccezione del valido secondo disco, non saprà più ripetersi su questi livelli.

La accattivante “Haunted by you” apre il disco in modo diretto e preciso, un riff di chitarra sublime e indimenticabile. E poi ecco le splendide ballate elettriche, marchio di fabbrica di questo lavoro, che si dispiegano in tutta la loro melodia, “Your Love, it Lies” e “Truth, Rest Your Head”. Se “Left-Handed” anticipa i muscoli del secondo album, sfumature più dolci e acustiche emergono per “Still Can’t Find The Phone”, con un lavoro chitarristico di rifinitura che è favoloso. Ma il sogno diventa meraviglioso con la struggente “London Can you wait?”, con un crescendo centrale che davvero conduce alle lacrime. Melodia da capogiro per il singolo “Sleep Well Tonight”, che diventa quasi rabbiosa nel finale con l’assolo liberatorio di Mason.
La musica diventa poesia e si eleva oltre l’emozione pura in “Olympian”, una canzone che non possiamo che definire memorabile, un brano ricco di pathos e climax teatrale che, tra piano e arrangiamenti orchestrali, aveva fatto gridare la stampa inglese a una magica fusione tra “Bowie e Roxy Music”. Sublime la conduzione vocale di Martin.

Ancora adesso, a parlare di questo disco, mi emoziono troppo, figurarsi nel 1995…in quel lontano marzo di tanti anni fa era davvero impossibile farne a meno. Da avere e da adorare, anche per la splendida e sognante grafica.

Pubblicazione: 20 marzo 1995
Genere: guitar-pop-rock
Lungezza: 40:31
Label: Polydor (USA e Europa), Costermonger (UK)
Produttore: Phil Vinall, Miti Adhikari

Tracklist:
1.Haunted by You
2.Your Love, It Lies
3.Truth, Rest Your Head
4.A Car That Sped
5.Left-Handed
6.London, Can You Wait?
7.To the City
8.Still Can’t Find the Phone
9.Sleep Well Tonight
10.Olympian
11.We’ll Find Our Own Way

 

Album e Festival posticipati e/o ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Oggi “Lost Souls” dei ...

Con lo sfaldarsi del britpop, i Blur presero altre rotte, Oasis, Pulp e Suede andarono, ognuno a modo proprio, incontro ad un inesorabile ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “Songs the Lord Taught ...

di And Back Crash Fondati nel 1976 da Kristy Wallace (in arte Poison Ivy Roarsach, attrice porno) e il di lei futuro marito Erick Purkisher ...

“Gigaton” e la ...

di Elena Castagnoli Sono tempi difficili, amplificati da un virus che attanaglia il mondo, costringe alle mura domestiche e a circondarsi ...