ULTRAS

 
 
di
21 Marzo 2020
 

Sarebbe bastata una sceneggiatura un pelo più accattivante e meno telefonata, stereotipata a fare di Ultras un film molto migliore. In termini di plot si intende, perché i personaggi funzionano anche bene, specie il dolcissimo Mohicano di Aniello Arena (un talento scoperto da Garrone che andrebbe utilizzato molto di più), un duro per eredità a circostanze, destinato a non trovare pace e riscatto. Ma anche quelli messi lì a mò di figurine sono di forte impatto, sia tra la vecchia (Barabba, Mcintosh) che tra la nuova guardia (il terribile Gabbiano, il più intelligente Pequeno).

Un grande peccato, perché il comparto visivo è potente, tramortente. I piani sequenza che seguono le teste rasate tra i vicoli di Napoli, le nitide risprese in digitale della città al tramonto, il bombardamento di scatti su muscoli, tatuaggi, striscioni e il resto della simbologia Ultras, sono una giostra coinvolgente e stordente. Ma su questo si sapeva che Lettieri (uno dei migliori direttori di videoclip italiani, qui al suo primo film da regista) non avrebbe deluso.

Così come la colonna sonora selezionata dal suo fido Liberato, fortissima nei pezzi originali (il feat. con Gaika e Robert Del Naja è una delle più belle tracce italiane degli ultimi anni in assoluto) quanto sapiente nello scomodare classici della canzone italiana seria e faceta (Righeira, Pino Daniele) e leccornie urban dei nostri giorni (il rabbioso Speranza).

Lingua originale: italiano, napoletano
Paese di produzione: Italia
Anno: 2020
Genere: drammatico
Regia: Francesco Lettieri
Sceneggiatura: Peppe Fiore
Casa di produzione: Indigo Film
Distribuzione in italiano: Netflix, Mediaset
Fotografia: Gianluca Palma
Montaggio: Mauro Rodella

Interpreti e personaggi

Aniello Arena: Sandro Russo
Ciro Nacca: Angelo
Simone Borrelli: Pechegno
Daniele Vicorito: Gabbiano
Salvatore Pelliccia: Barabba
Antonia Truppo: Terry
Alessandra D'Elia: Stefania
Gennaro Basile: McIntosh
 

La casa de papel – Stagione 4

Tutto quanto di buono si era visto nelle prime due stagioni di questa serie fenomeno, invero manco tantissimo, era stato già buttato nel ...

Hogar (Dov’è la tua casa)

“Hogar” è un thriller psicologico molto solido che racconta la risalita sociale di un pubblicitario fallito. Man mano che ...

El Hoyo – Il Buco

Horror basco a basso costo, “El Hoyo” sta facendo parlare molto di se. In effetti il meccanismo della prigione futuristica dove ...

Diamanti Grezzi

Un film che ti lascia semplicemente con il fiatone. Girato praticamente in corsa, con la telecamerra appiccicata alle chiappe di un verboso, ...

The New Pope

Dopo due primi episodi che introducono il nuovo Papa arrancando tra provocazioni un po’ ovvie, sia visive che narrative, Sorrentino ...