PORCHES
Ricky Music

[ Domino – 2020 ]
7
 
Genere: Pop, synth pop
 
23 Marzo 2020
 

Aaron Maine, titolare del progetto PORCHES, negli ultimi sette anni si è trasformato in uno dei nomi più quotati e chiacchierati in ambito synth pop e non solo. Musicista dalle cento anime e mille alter ego, partito con un bedroom pop già piuttosto maturo è diventato via via più ambizioso in tre album (“Slow Dance In The Cosmos”, “Pool”, “The House”) che lasciavano intravedere influenze varie e cangianti almeno quanto il colore dei suoi capelli.

“Ricky Music” vede Maine tornare a collaborare con Dev Hynes (Blood Orange) e trovare nuovi sodali in Zsela e nel co – produttore Jacob Portrait. Un album scritto tra dicembre 2017 e la primavera scorsa, registrato tra New York, Chicago e durante l’ultimo tour europeo. Ventisei minuti che Aaron Maine ha descritto come il racconto della “bellezza, confusione, rabbia, gioia e tristezza” sperimentate mentre si sentiva perso pur essendo pazzamente innamorato. Cuore spezzato ma non domo, lo si capisce fin dalle prime note di “Patience” in bilico tra piano e esplosioni elettroniche.

Ci sono pochi dubbi ormai sul fatto che Maine sappia scrivere canzoni pop non lineari ma ben confezionate: il falsetto giusto in “Do U Wanna”, i sintetizzatori orecchiabili di “I Wanna Ride” e quelli oscuri di “Lipstick Song”, il ritmo dance (un po’ prevedibile) di “Madonna” e quello ben più irregolare su cui è costruita “I Can’t Even Think” lo confermano. Costruzioni millimetriche e certosine bilanciate dalla vulnerabilità di “Hair”, “Fuck_3” e “Wrote Some Songs”, prima della bonus track: quella “rangerover” zuccherosa e vivace molto teen movie anni ottanta.

PORCHES continua la sua evoluzione da eroe delle camerette a star in the making, anche grazie al solito Dev Hynes che ci mette lo zampino con suoni e distorsioni ad hoc. Un passo dopo l’altro si avvicina al successo, obiettivo che sembrava vicino in “Pool” e “The House” (superiori a questo “Ricky Music” spiace dirlo) ma tutt’ora possibile per un artista che forse non ha ancora espresso appieno il suo potenziale.

Tracklist
1. Patience
2. Do U Wanna
3. Lipstick Song
4. PFB
5. I Wanna Ride
6. Madonna
7. I Can’t Even Think
8. Hair
9. Fuck_3
10. Wrote Some Songs
11. rangerover
 
 

Stian Westerhus – Redundance

Con la classe e la competenza tipica del vero musicista, Stian Westerhus prosegue il suo particolarissimo percorso di evoluzione artistica ...

Anna Calvi – Hunted

Non sono rari al giorno d’oggi i casi di album che vengono rivisti, rimaneggiati – con chiavi di lettura di volta in volta ...

Birthh – Whoa

E’ italianissima, ma non lo diresti mai, almeno riferendosi alla sua musica e al suo universo di riferimento. Alice Bisi – che a ...

Jet Set Roger – Un rifugio ...

Jet Set Roger (alias Roger Rossini) è un artista a cui non piace certo vincere facile, e lo dimostra una volta di più con il suo nuovo ...

Hilary Woods – Birthmarks

Il nome di Hilary Woods a queste latitudini potrebbe non dire granché, ma immagino che (almeno) gli appassionati di britpop e dintorni non ...