CLOSE LOBSTERS
Post Neo Anti (Arte Povera In the Forest Of Symbols)

[ Last Night From Glasgow Limited - 2020 ]
6.5
 
Genere: jangly indie-pop
 
25 Marzo 2020
 

Dopo lo scioglimento avvenuto nel 1989, la band scozzese originaria di Paisley si era riunita nel 2012 per una serie di concerti. Da allora qualche uscita sulla corta distanza fino a “Arte Povera in the Forest of Symbols”, quello che è il loro terzo album in carriera. I Close Lobsters ebbero una fama discreta nella seconda metà degli anni ’80 grazie al brano “Firestations Towers” che venne inserito nella celebre cassetta C86 del NME. Due album e un EP che ebbero un buon successo, tale da farli diventare delle piccole stelle del post punk e delle guitar band in senso più ampio.
La band fondata dal cantante Andrew Burnett e il batterista Stewart McFayden ha scritto i 10 pezzi dell’album tra il 2014 e il 2019. Come se davvero per questa band il tempo non passasse, l’album è stato prodotto da John Rivers, lo stesso che produsse il loro debut del 1986 “Foxheads Stalk This Land”. Interessante la cover dell’album, una foto originale del famoso fotografo Brian Sweeney che si è ispirato ad un movimento antifascista degli anni ’20 del secolo scorso, gli Arditi del popolo

Ci sono molte potenziali hit in questo album. Chitarre sempre in primo piano, melodie che ben si articolano su brani costruiti su pochi accordi ma ben arrangiati, la tastiera che ben amalgama i suoni. I Close Lobsters sanno scrivere canzoni, lo hanno sempre dimostrato e quest’album, facile immaginarlo, sarebbe stato un grande successo se fosse uscito nel loro periodo di grazia. Oggi può essere apprezzato forse da pochi (purtroppo!), ma gli scozzesi di Paisley hanno classe da vendere e si fanno sempre ascoltare con piacere.

Tracklist
1. All Compasses Go Wild
2. The Absent Guest (No Thing, No There)
3. Johnnie
4. Bird Free
5. Godless
6. Let the Days Drift Away
7. Now Time
8. New York City in Space
9. Under London Skies
10. Wander Pts. I & II
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...