SPECTRES
Nostalgia

[ Artoffact Records - 2020 ]
7.5
 
Genere: Post-Punk, Goth Rock
 
25 Marzo 2020
 

Il titolo, probabilmente, è di per sé già molto eloquente: “Nostalgia”; nostalgia perché gli SPECTRES consentono alle sonorità goth rock e post punk più calde e prossime alle atmosfere tipiche degli anni Ottanta di tornare alla ribalta, ma lo fanno a modo loro, mettendoci anima e cuore e riuscendo così a trovare la loro strada originale. Si lasciano trasportare, certo, dalle dinamiche e dal fascino di band di culto come i Joy Division, i Cure o i Killing Joke, ma, allo stesso tempo, riescono ad enfatizzare la propria visione della musica e della vita e lo fanno attraverso i propri testi, attraverso le chitarre ipnotiche, attraverso le armonie vocali di Brian Gustavson, attraverso una sezione ritmica che sa trasformare l’ansia e la malinconia in un flusso melodico capace, a seconda del momento, di accelerare o rallentare il nostro ritmo cardiaco.

La nostalgia è una creatura vivente, non è semplicemente un legame con il proprio passato. Ma soprattutto oggi, alle prese con una crisi mondiale che allontana, aliena, isola e divide le persone, una crisi che tenta di distruggere ogni legame di solidarietà, facendoci percepire chi abbiamo davanti come una possibile minaccia per la nostra stessa salute e per la nostra sicurezza, la nostalgia ci consente di non dimenticare ed approfondire ciò che siamo; di tentare, nonostante le difficoltà, di non abbandonare la strada dell’empatia e della vicinanza emotiva tra le persone. Ciò rende questo disco, apparentemente lontano dalla politica, un disco visceralmente politico, se diamo al termine “politico” il significato più nobile del termine ed in un momento storico come quello attuale tutto ciò suona abbastanza rivoluzionario e permette di rivestire questi brani di una luminosità ed una passionalità tipicamente punk.

Il passato ci sembra sempre migliore, ma questo è ovvio, è sempre così; sinceramente, però, serve a poco. Ciò che, invece, ha importanza ed è ciò che permette agli SPECTRES di non essere la copia sbiadita di qualcosa che è già avvenuto, è la capacità di utilizzare il passato per guardare avanti, per sfidare un futuro incerto, per costruire qualcosa che sia migliore del presente, per far sì che la nostalgia non sia la fatale prigione in cui moriremo, ma il trampolino di lancio da cui potremo, finalmente, spiccare il volo. Ed ora più che mai è il momento di farlo, senza paura.

Tracklist
1. The Head and the Heart
2. Dreams
3. When Possessed Pray
4. Pictures from Occupied Europe
5. Years of Lead
6. Fate
7. Insurgence
8. The Call
9. Along the Waterfront
 
 

Braids – Shadow Offering

Inizia con la dichiarazione di un amore fugace contenuta nell’opening track “Here 4 U” il quarto album in studio della ...

Cloud Nothings – The Black ...

Era ottobre 2018 quando i Cloud Nothings avevano pubblicato, via Wichita Recordings, il loro quinto LP, “Last Building Burning”: ora la ...

The Beths – Jump Rope Gazers

Diamo il bentornato ai simpatici Beths di Auckland che danno un seguito al piacevolissimo esordio di due anni fa. Il quartetto cambia un ...

Khruangbin – Mordechai

Tornano i mariachi del groove texani dopo l’ottimo “Con Todo El Mundo”, e lo fanno dimostrano un invidiabile stato di ...

Sault – Untitled (Black is)

In un mondo di sovraesposizione mediatica i Sault si fanno notare per la loro misteriosa identità: arrivati al terzo album, di cui due ...