MOANING
Uneasy Laughter

[ Sub Pop - 2020 ]
7.5
 
Genere: post-punk,new wave
Tags:
 
27 Marzo 2020
 

I Moaning, dopo i buoni riscontri ottenuti dal loro omonimo debutto sulla lunga distanza, uscito proprio due anni fa, ritornano questo weekend con il loro sophomore: realizzato ancora dalla prestigiosa Sub Pop Records, il nuovo LP vede alla produzione Alex Newport (At The Drive-In, Bloc Party, Melvins).

Amici e collaboratori già da una decina d’anni, i tre componenti della band losangelina hanno deciso di attuare un importante cambio nel loro sound, mettendo molto più spesso in primo piano i synth, invece che le chitarre del primo album, che rimangono comunque presenti, in una forma o in un’altra, in praticamente tutte le canzoni di questo nuovo disco.

Allo stesso tempo il frontman e chitarrista Sean Solomon ci fa sapere che è diventato sobrio e forse proprio questa sua importante decisione lo ha spinto a esplorare in questo secondo album un tema molto moderno e fondamentale come l’ansia quotidiana, purtroppo così comune nella mostra società.

Il singolo “Ego”, che serve anche da opening-track, è sicuramente uno dei migliori manifesti della trasformazione del gruppo californiano con quelle sue chitarre post-punk e i suoi synth new wave, mentre Sean canta: “I want to be anybody but myself”. Nonostante la sua atmosfera cupa e il tema piuttosto delicato e duro, la canzone ha comunque i suoi momenti di luce e mette in mostra anche un lato catchy.

Più luminosa e gentile, “Running” è complessa e disinvolta, ricordandoci come sia importante fare parte di qualcosa per evitare la solitudine e l’isolamento, mentre gli ottimi beat di “Fall In Love” ci riportano indietro agli anni ’80, facendoci venire la voglia di danzare, seppure accompagnati dalla malinconia dei suoi suoni.

E se con “What Separates Us” ci perdiamo nei riverberosi ed eleganti synth di Pascal Stevenson, in “Saving Face” troviamo, invece, un’inaspettata apertura pop, comunque dai temi sempre bui.

Alla fine di questi quasi tre quarti d’ora, dobbiamo ammettere che “Uneasy Laughter”, pur non essendo facile da digerire ai primi ascolti, ci soddisfa e, senza snaturare totalmente il suono dei Moaning e richiamando toni vecchi di qualche decade fa, mostra una progressione naturale nel loro cammino. Sarà interessante vedere dove li porterà la loro prossima prova.

Photo Credit: Michael Schmelling

Tracklist
1. Ego
2. Make It Stop
3. ///
4. Stranger
5. Running
6. Connect The Dots
7. Fall In Love
8. Coincidence Or Fate
9. What Separates Us
10. //////////
11. Keep Out
12. Saving Face
13. Say Something
 
 

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...

Francesco Vannini – Non siamo ...

Francesco Vannini è un cantautore indie, ma non troppo, ma nemmeno troppo mainstream, troppo pop, di certo non rientra benissimo in una ...

Thao & The Get Down Stay Down ...

Erano oltre quattro anni che non avevamo notizie dei Thao & The Get Down Stay Down, quando la band di San Francisco aveva pubblicato il ...

Jess Williamson – Sorceress

A due anni esatti di distanza dal suo terzo LP, “Cosmic Wink”, questo weekend Jess Williamson ha pubblicato il suo successore, ...

Hayley Williams – Petals for ...

Semestre ricco di esordi, nonostante Covid-19 e rinvii vari che si sono succeduti. Uno dei più interessanti si sta dimostrando quello che ...