OGGI “DRAWN FROM MEMORY” DEGLI EMBRACE COMPIE 20 ANNI

 
27 Marzo 2020
 

L’esordio degli inglesi Embrace si collocava in un territorio già battuto abbondantemente da gruppi quali Oasis e Verve, quindi in piena ambientazione brit-pop, che in realtà stava subendo a quell’epoca un certo declino.

L’ottimo debutto del 1998, “The Good Will Out”, porta comunque con se l’inevitabile spettro del paragone con i richiamati colleghi, non riuscendo però ad imporsi ancora, nonostante i buonissimi piazzamenti nelle classifiche, nello showbiz che conta.

Con il loro secondo album, “Drawn from memory”, la band dei fratelli McNamara decise di virare su orizzonti più easy-pop, cercando di raggiungere un certo equilibrio e personalità nel loro sound, mancanza che probabilmente rappresentava il difetto maggiore dell’esordio.

Venta anni fa, quindi, i ragazzi del West Yorkshire hanno inaugurato una nuova stagione mettendo sul piatto un sophomore che si incentra sull’uso più ricercato e ripetuto di tastiere, mentre una mescolanza di sonorità mostra la raggiunta maturità della band che, come succede nella maggior parte dei casi, avviene proprio con la pubblicazione del secondo lavoro.

Ed ecco quindi che già dalle chitarre cariche dell’opener, “The Love It Takes”, ci si rende conto della nuova strada tracciata del gruppo, anche se la voce di Danny rimane sempre con quel consueto mood sofferente e accigliato.

La successiva “You’re Not Alone”, che rimanda ad un refrain in perfetto stile fratelli Gallagher, coinvolge per la soave melodia mentre il sound si fa sempre più allegro con il soul di “Save Me”.

La vera sorpresa sono i sette minuti della title track, che si adagiano su di un piano solo con la voce di Danny in stato di grazia capace di far scorrere brividi lungo la schiena, almeno fino a quando, con “New Adam New Eve” e “Yeah You”, la band non ci regala pillole di hard-rock.

Il disco, come accennato, si dimostra versatile, basti pensare all’approccio funk del singolo “Hooligan”, e viene in risalto il lavoro di fino svolto dalla band di Leeds soprattutto quando si tratta di mettersi alla prova con le classiche ballate di stampo indie-pop, come accade in a “Liars tears” e “I wouldn’t wanna happen to you” ma anche con l’orchestrale closing track “I had a time”.

Insomma, la seconda fatica degli Embrace, seppur non riuscendo a sganciarsi del tutto dall’ombra del brit-pop di casa a Manchester, ha comunque avuto il merito di aver proposto un sound più personale e riconoscibile.

Pubblicazione: 27 marzo 2000
Label: Hut/Virgin/Mobetta
Durata: 48:05
Dischi: 1
Tracce: 11
Genere: Alternative, indie-rock
Produzione: Tristin Norwell, Hugo Nicolson, Richard McNamara, Danny McNamara, Mike Heaton

Tracce:
1. The Love It Takes
2. You’re Not Alone
3. Save Me
4. Drawn from Memory
5. Bunker Song
6. New Adam New Eve
7. Hooligan
8. Yeah You
9. Liars Tears
10. I Wouldn’t Wanna Happen to You
11. I Had a Time

 

L’omicidio di Floyd George. ...

Ut sementem feceris, ita metes. Le conseguenze delle nostre scelte e delle nostre azioni non sono casuali, non lo sono mai. C’è una ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “The Firstborn Is ...

Nick Cave. Il vampiro di Warracknabeal ha la pelle dura e la sua linfa vitale e artistica sembra essere senza fine, come una scorta nascosta ...

Oggi “Rites Of Spring” dei ...

Leggenda metropolitana vuole che i Rites Of Spring abbiano fatto una dozzina di concerti, eppure è innegabile l’impatto che hanno avuto ...

Oggi “Hunting High And Low” ...

Ah, la Norvegia. Terra di fiordi e sole a mezzanotte; di merluzzi appesi alle rastrelliere e chiese in fiamme. È inutile starci a girare ...