WISHLIST: I DIECI DISCHI PIù ATTESI DI APRILE 2020

 
1 Aprile 2020
 

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ne abbiamo selezionati, in anticipo, dieci che, forse, potrebbero (nel bene o nel male) colpirci. Magari ci sbagliamo, ma la buona volonta ce l’abbiamo messa.

PURITY RING
Womb
[4AD]
Release date: 3 aprile

Il nuovo lavoro racconta la ricerca del comfort e di un posto dove poter riposare, in un mondo dove la maggior parte delle cose sono oltre il nostro controllo”: proprio quello che ci serve, dobbiamo essere sinceri. Il ritorno dei Purity Ring dopo ben 5 anni è decisamente atteso.

ANNA BURCH
If You’re Dreaming
[Heavenly]
Release date: 3 aprile

Secondo lavoro per la magnifica Anna, che nei singoli anticipatori non perde il suo tocco morbido e vellutato, in bilico tra indie carezzevole e soluzioni jangle, sempre però arricchite da piccoli ma pregevoli soluzioni in fase di arrangiamento. I testi dovrebbero essere maggiormente centrati su di lei.

THE WARLOCKS
The Chain
[Cleopatra Records]
Release date: 3 aprile

Francamente come potremmo definire gli eroici Warlocks se non con la parola “veterani“? Nati nel 1998 dalla sagace mente musicale di Bobby Hecksher, dopo tanti anni e tanti cambi di formazione sono ancora qui a dispensare psycho-rock che prende ispirazione tanto dal passato ma che si colloca alla perfezione anche nel presente. Un concept album su due amanti rapinatori, un disco che promette chitarre rumorose, condite con le giuste dosi di tastiera, bassi potenti e ottimo groove. Perfetto!

PEEL DREAM MAGAZINE
Agitprop Alterna
[Slumberland]
Release date:
3 aprile

Mentre il debutto era per lo più un progetto in studio solista per Joe Stevens, i PDM si sono presto trasformati in una vera band e il nuovo album riflette un anno e mezzo di spettacoli dal vivo con il resto della band, che ha contribuito in modo importante. Il primo singolo è la traccia di apertura dell’album, “Pill”, che mescola parti uguali di melodia e rumore, citando tanto My Bloody Valentine quanto Stereolab. Troveremo quetso nel resto del disco? Speriamo proprio di si!

THE STROKES
The New Abnormal
[Cult Records]
Release date:
10 aprile

Dopo tante promesse, dopo tanti annunci, dopo tanti progetti collaterali, beh, alla fine, è arrivato il momento. Gli Strokes sono tornati e se il primo singolo (“At The Door”) ci ha spiazzato con i suoi synth, ecco che “Bed Decisions” ci riporta a suoni più familiari. Attesa decisamente alta.

SPARTA
Trust The River
[Dine Alone]
Release date:
10 aprile

Jim Ward, ex chitarrista degli At The Drive-In, torna in pista, a ben 14 anni di distanza dal precedente “Threes“. La notiziaovviamente ci riempie di gioia, vista la mano spesso felice di Jim quando si parla di alt-post emo-rock.

EOB
Earth
[Capitol]
Release date: 17 aprile

Dietro al nome di EOB si nasconde Ed O’Brien, chitarrista dei Radiohead. Nel suo primo album solista c’è la mano di Flood, oltre a graditi ospiti come Adrian Utley dei Portishead, Glenn Kotche (Wilco) e Laura Marling.
Musica dilatata, liquidi, ma che ritrova anche un buon lavoro chitarristico e ritmico. Questo ci appare dai primi assaggi. Dove andrà a parare il buon Ed?

SOPHIA
Holding On / Letting Go
[The Flower Shop Recordings]
Release date: 24 aprile

E’sempre un piacere accostarsi alla magia e alle suggestioni sprigionati dalla poetica musicale dei Sophia, la creatura musicale di Robin Proper-Sheppard. Quasi in sordina ha annunciato un nuovo album e il singolo anticipatore è semplicemente magnifico.

RUFUS WAINWRIGHT
Unfollow the Rules
[Bertelsmann Music Group]
Release date: 24 aprile

Ritorna a cimentarsi ocn territori pop il buon Rufus. Le aspettative, anche dell’artista stesso, sono alte. “Vorrei che questo album rappresentasse tutti quegli aspetti della vita che mi hanno reso l’artista vissuto che sono oggi. Vorrei che per me fosse come per quegli artisti che nel secondo atto della loro carriera hanno prodotto i loro lavori migliori: Leonard Cohen ha realizzato The Future, Sinatra è diventato Sinatra a 40 anni, Paul Simon ha pubblicato Graceland. La musica pop non è solo una questione di giro vita. Molti cantautori migliorano con gli anni. E io sono felice di essere vivo!“.

HAZEL ENGLISH
Wake Up!
[Polyvinyl Records]
Release date: 24 aprile

Avevamo propio nostalgia della nostra Hazel e ora la fanciulla australiana torna con il suo atteso esordio, si spera degno successore delle perle “Just Give In/Never Going Home”. Il suo dream-pop sembra ora essere più completo, meno da cameretta e più aperto a suggestioni variegate, tra momenti più ballabili e una ballata degna dei Mazzy Star.

 

Album, concerti e Festival ...

Tanti sono gli eventi live che sono stati cancellati a causa della difficile situazione sanitaria mondiale. Festival internazionali che sono ...

Le origini del Punk – Parte ...

Introduzione Se New York ha vissuto la genesi del punk (leggi l’articolo), sarà la città di Londra che rappresenterà la ...

Oggi “Mer De Noms” ...

Una fenice in grado di risorgere puntualmente dalle sue ceneri, di inglobare sonorità e tendenze apparentemente estranee al suo storico ...

Oggi “Wishville” dei ...

Ricordo come se fosse ieri l’uscita di “Wishville”, peraltro difficile dimenticare le devastanti critiche che si portò ...

Oggi “Demon Days” dei ...

Nella vita di un musicista può capitare di sentire l’esigenza di mettersi veramente in gioco, battendo nuove strade del tutto diverse ...