UNORTHODOX

 
Tags:
 
di
7 Aprile 2020
 

“Unorthodox” narra la fuga della giovane Esty dalla comunità Hasidic (ebrei ultra-ortodossi di origine ungherese, prevalentemente discendenti di vittime dell’olocausto) di Brooklyn verso Berlino, città dove la madre lesbica e ripudiata si è rifatta, con tutte le difficoltà del caso (alle donne della comunità viene praticamente impedito di farsi una cultura o di avere una formazione che esuli dal destino di progenitrici e dai dettami dell’antico testamento), una vita.

La narrazione procede su due piani narrativi, entrambi affascinanti.
Il primo è basato sulla vita di Esty nella comunità di Brooklyn prima della fuga, sul matrimonio difficile con Yanky (il personaggio che nel corso della storia subisce la trasformazione più commovente), la ritualità schiacciante, ottundente, di una comunità chiusa e involuta. Nel frattempo seguiamo la dolce Esty che, stordita dalla libertà e dall’ampiezza della capitale tedesca, si fa strada timidamente, ma con tenacia nella sua nuova vita. L’intensa interpetazione di Shira Haas è una delle cose piè belle che possiate incontrare ultimamente sul piccolo schermo, impossibile non incollarsi ai suoi occhi ricolmi allo stesso tempo di paura e determinazione.

C’è qualche piccola falla in sede di sceneggiatura causata dall’indecisione degli autori tra il realismo della parte newyorkese e alcune licenze da favoletta di quella berlinese, ma la potenza del racconto e la commozione e l’empatia che questo è capace di generare sono tali da renderle sopportabili.

Sebbene il minutaggio piuttosto contenuto per una serie (4 episodi da circa 50 minuti), l’approfondimento dei personaggi è molto convincente ed facile appassionarsi ai loro percorsi oltre che alla storia di Esty.
A me ad esempio è piaciuto molto quello che dovrebbe essere il cattivo (tra virgolette) della storia, Moische, il soldato del rabbino mandato a Berlino a ritrovare Esty. Perpetua con pervicacia i meccanismi torchianti della minoranza, ma mentre lo fa, approfitta della sua trasferta berlinese per giocare d’azzardo e andare a prostitute, diventando così simbolo del fallimento, cancro della comunità auto-ghettizzante.

Basato su: Unorthodox The Scandalous Rejection of My Hasidic Roots by Deborah Feldman
Scritto da: Anna Winger, Alexa Karolinski, Daniel Hendler
Diretto da: Maria Schrader

Starring

Shira Haas
Amit Rahav
Jeff Wilbusch
 

Yesterday

All’inizio funziona anche bene questa commediola di Danny Boyle. Comunque mai all’altezza della sua fama, la regia ...

Favolacce

Hanno fatto grandi passi in avanti i fratelli D’Innocenzo da “La terra dell’abbastanza” a questo nuovo ...

Eurovision Song Contest: The Story ...

Un film con Will Ferrel sull’Eurovision Song Contest: già messa così la faccenda basterebbe a scremare chi debba guardarlo e chi no. ...

Tutti pazzi a Tel Aviv (Tel Aviv on ...

“Tel Aviv On Fire”, in italiano terribilmente titolato “Tutti pazzi a Tel Aviv”, non sia mai che qualcuno ne ...

After Life (2^ stagione)

Continua il duro percorso di riadattamento alla vita quotidiana del burbero Tony, al quale un cancro ha strappato la dolce moglie e la ...