SNARLS
Burst

[ Take This To Heart Records - 2020 ]
7.5
 
Genere: Emo, shoegaze
Tags:
 
8 Aprile 2020
 

Album d’esordio per gli Snarls, band di Columbus (Ohio) composta da Chlo White (Voce e chitarra), Riley Hall (Basso e Voce), Mick Martinez (chitarra) e Max Martinez (batteria).
Chlo e Riley si conoscono al Columbus’s Arts & College Preparatory Academy high school, a cui si uniscono i fratelli Martinez. Nel 2018 pubblicano il loro primo EP che comprende “Twenty” il brano che verrà inserito anche nel nuovo album. Scelgono proprio questa canzone perché rispecchia quello che la band è oggi: ventenni alle prese con le nuove esperienze della vita, il passaggio dall’età adolescenziale a quella adulta è il filo che lega i dieci brani dell’album.

MTV ha definito la band come la più promettente nel circuito Emo e Shoegaze. Esagerazione? Intanto sfornano canzoni con relativa facilità, otto dei dieci brani sono stati scritti nei loro primi sei mesi di vita come gruppo.

L’album si apre con il loro singolo “Walk in The Woods”. Le due voci di Chlo e Riley che si alternano per poi unirsi in un ritornello veramente solare e accattivante. Con sorpresa però, ascoltando il resto dei brani, scopriamo una band incline alla ricerca di differenti stili.
“Hair” ha la forza e l’energia di un “Heart-Shaped Box” (non me ne vogliano i fan della band di Seattle). Sempre nella prima parte dell’album ci imbattiamo in “What’s it Take” che inizia con versi e ritornello ariosi e godibilissimi per virare in una seconda parte sofferta, degna dei Wolf Alice di Ellie Rowsell. L’album è particolarmente ispirato, la seconda parte è una successione di perle emo/shoegaze che non ci aspetteremmo da un gruppo così giovane. Inutile elencare i brani quindi, ascoltiamoli con attenzione…

L’estensione vocale e le armonizzazioni, l’ottimo lavoro della chitarra della Martinez, una sezione ritmica semplice ed efficacie sono i punti di forza di questa band.

I Wolf Alice sono tra le band che li hanno inizialmente ispirati e anche se il loro suono ha preso direzioni più cupe, aprire un concerto alla band londinese rimane il sogno della band di Columbus. Noi glielo auguriamo di cuore, sarebbe un’accoppiata di tutto rispetto.

Credit Foto: Brian Kaiser

Tracklist
1. Walk In The Woods
2. Marbles
3. Twenty
4. What's It Take
5. Hair
6. Better Off
7. Concrete
8. All Of This Will End
9. Falling
10. Burst
 
 

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...

Bush – The Kingdom

Diciamolo, certa stampa non è mai stata carina (per usare un eufemismo) con i Bush di Gavin Rossdale. Non era un fatto personale o una ...

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...