TEHO TEARDO
Ellipses Dans L’Harmonie – Lumi Al Buio

[ Specula Records - 2020 ]
8.5
 
Genere: classica contemporanea, sperimentale
 
10 Aprile 2020
 

Considerando i tempi davvero spiacevoli che stiamo attraversando, è in qualche modo rincuorante avere la possibilità di ascoltare un album bello ed elaborato come “Ellipses Dans L’Harmonie – Lumi Al Buio”. Il nuovo progetto di Teho Teardo, tra i compositori italiani più versatili e rilevanti degli ultimi trent’anni, parte dall’esempio della sezione musicale dell’Encyclopédie di Denis Diderot e Jean-Baptiste Le Rond d’Alembert per poi trasformarsi in un modernissimo omaggio all’intelligenza umana.

Gli spartiti inclusi nelle pagine della fondamentale opera settecentesca – antesignani di quei materiali didattici che oggi sono croce e delizia di migliaia di allievi di scuole e conservatori – sono stati stravolti, rinfoltiti di note e ricostruiti, fino a diventare qualcosa di assolutamente nuovo. L’ex Meathead, forte dell’esperienza accumulata tra colonne sonore e collaborazioni internazionali di primissimo livello (Blixa Bargeld, Mick Harris, J.G. Thirlwell, Colin Newman e Jim Coleman, solo per citarne alcuni), riaggiorna la lezione dei maestri dell’Illuminismo per ribadire un concetto che, purtroppo, tendiamo sempre più spesso a dare per scontato o, ancor peggio, a ripudiare: il valore della competenza.

Con un mix di umiltà e saggezza Teardo si lancia alla ricerca di un suono che, unendo gli aspetti colti della musica classica, le asperità dell’elettronica e qualche impercettibile barlume rock, si candida a ricoprire il ruolo di soundtrack alla lotta contro l’ignoranza dilagante. E, ma questa è solamente una considerazione personale, contro il pressapochismo di tanti colleghi ingiustamente più blasonati.

Le dieci composizioni raccolte in “Ellipses Dans L’Harmonie – Lumi Al Buio” sono pregne delle atmosfere cinematografiche tanto care al Teardo di oggi ma presentano anche alcuni punti di contatto con il Teardo di ieri. Tra le corde pizzicate e i synth di “Cadence féminine”, ad esempio, affiorano antiche e inquietanti ombre industrial. Sonorità più o meno simili contraddistinguono “Césures rélatives”, che parte con un giro di basso distorto in grado di far friggere un impianto subwoofer per poi distendersi sulle placide note del flauto e degli archi dell’Orchestra della Mitteleuropa.

È il continuo alternarsi tra passaggi sinfonici e digitali a caratterizzare davvero l’intero disco; ma forse sarebbe meglio parlare di una vera e propria compenetrazione tra i due elementi, visto che quasi mai il confine è netto. Casi del genere non sono certo una novità nell’ambito della classica contemporanea, ma il modo in cui Teho Teardo riesce a far comunicare tra loro universi all’apparenza diversissimi tra loro ha del prodigioso.

Un lavoro di enorme ingegno, ma mai cerebrale: i quarantadue minuti di “Ellipses Dans L’Harmonie – Lumi Al Buio” scorrono via che è una bellezza. E, come se non bastasse, hanno il grande pregio di ricordarci quanto siano importanti l’utilizzo della ragione e la tutela della memoria. Ascoltate la splendida traccia di chiusura dell’album a occhi chiusi e provate a immergervi nel concept “enciclopedico” dell’ opera. Il senso di speranza trasmesso dagli archi in dissolvenza traduce la forza salvifica della cultura in un momento di pura catarsi. Un’emozione che, nella tremenda epoca in cui siamo precipitati, assume i connotati di una luce in fondo al tunnel. È la scienza il lume di cui abbiamo bisogno per uscire fuori da questo buio. La musica, però, ci può confortare e far riflettere: “Ellipses Dans L’Harmonie – Lumi Al Buio” ne è la dimostrazione.

Tracklist
1. Cadence féminine
2. Ellipse dans la mélodie
3. Effet et marque du Bombo
4. Chant primitif
5. Systehme de Mr. Kirnberger
6. Canone chiuso
7. Origine de l'accord
8. Martellements de Loulié
9. Césures rélatives
10. Ellipses dans l'Harmonie
 
 

Rufus Wainwright – Unfollow ...

Rufus Wainwright è tornato! E non si tratta solamente di un ritorno discografico, perchè con “Unfollow the Rules”, il ...

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...