PEEL DREAM MAGAZINE
Agitprop Alterna

[ Slumberland/Tough Love - 2020 ]
8
 
Genere: Shoegaze, indie pop, dream pop
 
di
13 Aprile 2020
 

Si vola con i Peel Dream Magazine.

La creatura di Joe Stevens dopo aver già messo a referto un primo LP (“Modern Meta Physic” nell’Ottobre 2018) e un EP (“Up and Up” lo scorso Novembre) si riaffacciano con questa nuova realizzazione sulla lunga distanza, che per il mercato americano esce per la Slumberland: casa di produzione e il nome della band che ci riporta alla memoria il grande John Peel già solleticherebbero non poco, se non fosse che gli antipasti sovra richiamati fossero a loro volta riusciti a farci venire la migliore delle acquoline in bocca.

Si vola quindi, grazie a melodie curate e delicate, ornate dalla voce di Jo-Anne Hyun, dove tra chitarre riverberate e vorticose, shoegazing e kraut al punto giusto e dal sapore 90’s a stelle e strisce, synth, organo, droni e drum machine si intarsiano con ottimo gusto e risultato dei più riusciti.

Chitarre che sanno farsi anche meno abrasive e trascinanti (“It’s My Body” o “Do It” con le sue soavi vibrazioni e le bollicine oceaniche) o quasi scomparire a favore di scenari ambientali ed onirici (“Brief Inner Mission”, “Permanent Moral Crisis“), con una Jo-Anne che trova il modo di disegnare coccole sognanti anche quando lenitiva pennella con la propria voce su pezzi come “Too Dumb” dal luminoso quanto regolare incedere. La già diffusa “Up and Up” chiude i giochi che siamo ancora lì a sognare e svolazzare, tra l’inebriato e l’estasiato.

Per stessa ammissione del loro dominus gruppi come Stereolab e Yo La Tengo sono più che una fonte d’ispirazione, ciononostante i Peel Dream Magazine riescono a sfornare un lavoro che ha una propria personalità ed un’identità ben definita, elegante e magnetico, il che non può che strappare applausi convinti da parte nostra.

Credit Foto: Andrew Schilling

Tracklist
1. Pill
2. Emotional Devotion Creator
3. It's My Body
4. Escalator Ism
5. Nyc Illuminati
6. Wood Paneling Pt. 2
7. Too Dumb
8. The Bertolt Brecht Society
9. Permanent Moral Crisis
10. Do It
11. Eyeballs
12. Up and Up
 
 

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...

Cristiano Godano – Mi Ero ...

Alcuni suoni, alcune immagini, alcuni volti, alcune sensazioni, prendono vita dentro di noi, in maniera spontanea, quasi a voler evidenziare ...

Edda e Marok – Noio; volevam ...

Due mostri sacri della scena alternativa italiana, Edda e Gianni Maroccolo, hanno pensato bene durante la fase della quarantena, quando ...

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...