TETEMA
Necroscape

[ Ipecac Recordings - 2020 ]
7
 
Genere: rock sperimentale
 
14 Aprile 2020
 

Quasi sei anni dopo l’esordio intitolato “Geocidal”, l’avventura dei tētēma arriva finalmente al secondo capitolo. Dall’incontro delle brillanti menti del cantante Mike Patton (Faith No More, Mr. Bungle, Fantômas, Tomahawk…) e del compositore Anthony Pateras nasce “Necroscape”, un album dalla fortissima vocazione sperimentale realizzato con il prezioso contributo del violinista Erkki Veltheim e del batterista Will Guthrie.

L’obiettivo del quartetto è decisamente ambizioso: unire l’immediatezza tipica del rock alla complessità di tutte quelle sonorità che è possibile far rientrare nell’insieme delle avanguardie, con un occhio di riguardo per la musica concreta e le esperienze multietniche.

Gli ingredienti alla base della ricetta crossover dei tētēma sono semplici e naturali. L’impiego di campionamenti, sintetizzatori e strumenti atipici – se non addirittura inclassificabili – quasi passa in secondo piano se lo si confronta al peso ricoperto dalle percussioni, vere protagoniste dei tredici brani di “Necroscape”.

Groove ultraterreni e tempi dispari fanno da cornice perfetta all’eccellente prova dietro al microfono di Mike Patton che, da esperto affezionato di effettistica, sembra sempre divertirsi un mondo a manipolare la propria voce. Un pizzico di tecnologia in un oceano di suoni analogici e insoliti.

Il futuro del rock, almeno secondo il parere dei tētēma, passa attraverso la riscoperta del passato. L’elemento digitale viene pressoché snobbato, nonostante non manchino certe atmosfere industrial, noise, math e trip hop in grado di regalarci sentori di modernità.

Pateras e Patton tracciano il loro personalissimo percorso evolutivo seguendo come stelle polari i ritmi tribali dell’Africa, i canti sciamanici dei popoli indigeni dell’Amazzonia e le più ancestrali melodie mediterranee, senza mai dimenticarsi delle loro origini e, soprattutto, della comune passione per i grandi autori di colonne sonore (Ennio Morricone in primis). No, i tētēma non possono essere considerati una band tradizionale: sono degli etnomusicologi prestati al rock.

Credit foto: Sabina Maselli

Tracklist
1. Necroscape
2. Cutlass Eye
3. Wait Till Mornin'
4. Haunted On The Uptake
5. All Signs Uncensored
6. Milked Out Million
7. Soliloquy
8. Flatliner's Owl
9. Dead Still
10. Invertebrate
11. We'll Talk Inside A Dream
12. Sun Undone
13. Funerale Di Un Contadino
 
 

White Flowers – Day By Day

Joey Cobb e Katie Drew arrivano finalmente all’album e confermano quanto di buono avevamo già colto nelle loro precedenti uscite. Il ...

Japanese Breakfast – Jubilee

Sono passati quasi quattro anni dall’uscita di “Soft Sounds From Another Planet”, il secondo LP di Japanese Breakfast, ma ora ...

Facs – Present Tense

Profondo, insistente, cupo quanto basta, entra in testa radicandosi nella nostra memoria la terza fatica dei Facs, trio di Chicago formato ...

News For Lulu – Ready For ...

Ritorno inaspettato quello dei News For Lulu, band di Pavia che aveva attirato l’attenzione di critica e pubblico con tre album (“Ten ...

Sculpture Club – Worth

L’album del 2016 “A Place to Stand” segnò il debutto dei Sculpture Club che tornano ora sulla scena con ...