OGGI “LIFE” DEGLI INSPIRAL CARPETS COMPIE 30 ANNI

 
di
23 Aprile 2020
 

I più, specie in Italia nella seconda metà degli anni ’90, legavano il nome Inspiral Carpets al gruppo al quale Noel Gallagher faceva da roadie prima di sfondare con gli Oasis.

Eppure al tempo gli Inspiral Carpets, per quanto poco conosciuti da noi, erano un gruppo di punta della scena musicale alternativa inglese. Eccome se lo erano.

“Life”, nel 1990, in piena bomba madchester, fu il loro esordio sulla lunga distanza. E gli garantì di diventare in attimo alfieri del movimento.

Una riuscita commistione tra rock più danzereccio, psichedelia anni ’60-’70, trame post-punk e new wave esaltate nella sezione melodica, e ritornelli accattivanti fatti di sentimenti semplici, umani, vicini alle prerogative della gente altrettanto semplice: e quell’organo Farfisa suonato dal poliedrico Clint Boon (tastierista, ma vero fuoriclasse del gruppo) che diventerà una sorta di marchio di fabbrica.

“This is How It Feels” sarà sì il loro brano più iconico, una sorta di inno del movimento madchester e della common people inglese del periodo, ma è tutto l’album a brillare di luce propria, con vitali rincorse di basso, tastiere e batteria, cambi di passo e di registro, che come pescavano da decenni di alt-rock passato, influenzeranno specie in patria il suono di molti epigoni.

Pezzi come la falotica “Besides Me”, la dinoccolata “Many Happy Returns”, “She Comes in The Fall” con i pimpanti tasti a trascinare e quella batteria a tratti marziale, l’esplosiva “Monkey on My Back”, l’ariosa “Sun Don’t Shine” col suo ritornello regolare quanto indimenticabile, rendono “Life” un album memorabile: con i suoi 40 minuti spaccati della sua edizione originale, arriverà a toccare la posizione numero 2 nella classifica generale inglese (dietro ad “Only Yesterday” dei The Carpenters) nel Maggio appena seguente, mese in quale diventerà pure disco d’oro.

Gli Inspiral Carpetes, senza arrivare alle vette di popolarità di coevi come The Stone Roses e Happy Mondays, piazzeranno a seguire altri lavori di ottima fattura: ma questa non è la sede per parlarne. Qui si celebra il trentennale di uno degli album più iconici della scena madchester, e forse di tutti i primi anni ’90 della musica alternativa inglese.

Inspiral Carpets – Life
Data di pubblicazione: 23 Aprile 1990
Tracce: 12
Lunghezza: 40:00
Etichetta: Mute
Produttori: Inspiral Carpets e Nick Garside

Tracklist:

1. Real Thing
2. Song For A Family
3. This Is How It Feels
4. Directing Traffik
5. Besides Me
6. Many Happy Returns
7. Memories Of You
8. She Comes In The Fall
9. Monkey On My Back
10. Sun Don’t Shine
11. Inside My Head
12. Sackville

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Any Given Friday – Ogni ...

È di nuovo venerdì e seguendo la traiettoria del volo di un moscone – dal ronzio più emozionante di tante cose sentite ultimamente ...

Oggi “Left of the ...

Venticinque anni fa con il suo album d’esordio irrompeva nella scena musicale, bucando gli schermi di mezzo mondo, la dolce cantante ...

Oggi “All Saints” delle ...

Nei tanto celebrati anni novanta, oltre alle ultime scene musicali decisamente rilevanti  (basti pensare al grunge, al britpop o al ...

Libri: Un Glorioso Fallimento. ...

“Più mi guardavo intorno e piu vedevo collegamenti con la Factory Records, ovunque. E poi l’illuminazione.” Più o meno così è ...

The Weekender: ascolta gli album di ...

Da qualche anno ormai il venerdì è il giorno della settimana consacrato alle uscite discografica. Quale migliore modo allora per ...

Recent Comments