ALBUM: CINDY DOE
Cold+

 
28 Aprile 2020
 

Io ho la certezza che se questa uscita fosse marchiata, ad esempio, da Lynch o Badalamenti, avremmo fan che si stracciano le vesti e griderebbero al miracolo. Cindy Doe si muove su oscuri territori coldwave, minimali, shoegaze e lo-fi quanto basta per catturare in pieno la nostra attenzione.

Vi sono frangenti rumorosi e distorti dai quali appare magicamente la melodia, per non parlare di conturbanti visioni anni ’50 imbevute di LSD (“Angel Baby”) che ci portano in pieno in una seconda Twin Peaks, così romanticamente torbida. “Sylvia” è spartana e lontana, come se suonasse nella stanza accanto, eppure anche così magnetica e sporca. “Waves Of You” è dream-pop che guarda a suggestioni shoegaze mentre onde sonore ci avvolgono inesorabilmente per 6, splendidi e incantevoli, minuti in cui il tempo e lo spazio si fermano letteralmente. Perle che è impossibile non citare sono la cupissima “Virginia is mine (and it owes me a living)” che finisce in un rumorismo quasi melodico, dopo averci trasportato nella notte più pulsante e poi quel finale acustico con “Broken Bloddy”, che ci lascia senza fiato.

Disco meraviglioso. Davvero.

 

VIDEO: Beverly Kills – Trophy ...

Avevamo lasciato gli svedesi Beverly Kills ad Aprile scorso con l’EP “Elegance in a State of Crisis” ed eccolo rifare ...

ALBUM: STAR – Violence ...

Finalmente ci siamo! Dopo lunga attesa ecco che il terzetto formato da  Shannon Roberts, Scott Cortez e Theodore Beck da alle stampe ...

Diamo un’occhiata alla ...

“Stankonia” è la dichiarazione d’indipendenza degli OutKast, un album ancora oggi considerato una pietra miliare da artisti di ogni ...

Città che chiudono, casse ed ...

Eccoci qua. Esattamente come a Marzo. Città che chiudono, casse ed amplificatori che si spengono, platee che diventano vuote e silenziose, ...

Halloween: la TOP 10 per ...

31 ottobre. Halloween. Ci si potrà lamentare che non è la nostra festa, che siamo stati colonizzati pure nelle nostre tradizioni e avanti ...