DRAGGED ACROSS CONCRETE
Poliziotti al limite

 
 
di
5 Maggio 2020
 

Procede a gonfie vele la carriera di S. Craig Zahler, che dopo essersi dedicato ai romanzi è dal 2015 che si dedica a tempo pieno al cinema.
“Dragged Across Concrete” è il suo terzo film e per certi versi lo potremmo definire il suo “Jackie Brown”. Sicuramente perché si tratta del suo lavoro per il grande schermo più cinico, disilluso e scuro, ma anche perché proprio come il terzo film di Tarantino si prende i suoi tempi e rifiuta i ritmi concitati, e in parte la coolness, delle pellicole che lo avevano preceduto.

I poliziotti al limite (così definiti dal titolista italiano) si raccontano in lunghe chiacchierate appostati in macchina piuttosto che far parlare le loro azioni. Al contrario di quanto abbiamo visto nello straripante “Brawl In Cell Block 99”, la violenza è relegata a poche fulminee scene, non manca però, sebbene in pochissimi secondi, di lasciare il segno. A maggior ragione perché diluita in circa due ore e mezzo agisce dopo lunghi accumuli di tensione.

Dopo un western (“Bone Tomahawk”) e un bizarro ma irresistibile arcade carcerario (“Brawl In Cell Block 99”), Zahler ci propone un lento e inesorabile noir che insieme ai suoi rabbiosi protagonisti vede naufragare una volta e per tutte la possibilità di una società americana socialmente equa e giusta. Trait d’union tra le tre differentissime pellicole sono l’appartenenza marcata al cinema di genere, certo ciascuna afferisce ad un genere diverso, e la scrittura di personaggi iconici affidati ad attori ormai affezionati del regista (Vince Vaughn, Don Johnson, Udo Kier), ai quali si è aggiunto a questo giro un azzeccatissimo, baffuto Mel Gibson.

Titolo originale: Dragged Across Concrete
Lingua originale: inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d'America, Canada
Anno: 2018
Durata: 159 min
Genere: thriller, drammatico, azione, noir, poliziesco
Regia: S. Craig Zahler
Sceneggiatura: S. Craig Zahler
Produttore: Sefton Fincham, Jack Heller, Tyler Jackson, Keith Kjarval, Dallas Sonnier
Produttore esecutivo: Dean Buchanan, Shafin Diamond, Wayne Marc Godfrey, C. Steve Goldstein, Justin Jacobson, Robert Jones, Larry Olmstead, Mike Rowe, Levi Sheck
Casa di produzione: Unified Pictures, Cinestate, Look to the Sky Films, Moot Point Dragged Productions
Distribuzione in italiano: Adler Entertainment
Fotografia: Benji Bakshi
Montaggio: Greg D'Auria
Effetti speciali: Alex Noble
Musiche: Jeff Herriott, The O'Jays, S. Craig Zahler
Scenografia: Brian Davie
Costumi: Tanya Lipke
Trucco: Ceilidh Dunn, Lisa Love, Tate Steinsiek

Interpreti e personaggi

Mel Gibson: Brett Ridgeman
Vince Vaughn: Anthony Lurasetti
Tory Kittles: Henry Johns
Michael Jai White: Biscuit
 

Yesterday

All’inizio funziona anche bene questa commediola di Danny Boyle. Comunque mai all’altezza della sua fama, la regia ...

Favolacce

Hanno fatto grandi passi in avanti i fratelli D’Innocenzo da “La terra dell’abbastanza” a questo nuovo ...

Eurovision Song Contest: The Story ...

Un film con Will Ferrel sull’Eurovision Song Contest: già messa così la faccenda basterebbe a scremare chi debba guardarlo e chi no. ...

Tutti pazzi a Tel Aviv (Tel Aviv on ...

“Tel Aviv On Fire”, in italiano terribilmente titolato “Tutti pazzi a Tel Aviv”, non sia mai che qualcuno ne ...

After Life (2^ stagione)

Continua il duro percorso di riadattamento alla vita quotidiana del burbero Tony, al quale un cancro ha strappato la dolce moglie e la ...