JOHANNA WARREN
Chaotic Good

[Wax Nine - 2020]
8
 
Genere: folk-rock
 
8 Maggio 2020
 

Johanna Warren aveva realizzato il suo quarto album, “Gemini II”, nel febbraio del 2018, ma questo weekend è arrivato anche questo suo successore, pubblicato dalla Wax Nine, la nuova etichetta di proprietà di Sadie Dupuis degli Speedy Ortiz e un imprint della Carpark Records.

Musicista, attrice, erborista, guaritrice, la folk-singer nativa della Florida, ma residente a Portland si è occupata della produzione di questo nuovo LP, che vede la partecipazione anche di Chris St. Hilaire e di Jim Bertini, già suoi compagni negli Stiplicks, il suo vecchio progetto con cui aveva pubblicato due dischi.

Nella press-release abbiamo letto che le intenzioni di Johanna erano di muoversi dal suo folk gentile che aveva caratterizzato i suoi lavori precedenti e ciò ci ha sicuramente incuriosito all’ascolto di questo suo nuovo lavoro sulla lunga distanza.

“Rose Potion” apre il disco con un’atmosfera sognante e soft con chitarra e leggere percussioni, mentre la voce della Warren sembra quasi volerci confortare con il calore che riesce a emanare.

Si prosegue con “Part Of It”, che parla di un partner che sta scappando: le chitarre sono più decise e hanno un non so che di sudamericano, mentre i delicati vocals della musicista di stanza in Oregon sembrano comunque rilasciare passione.

Una delle nostre canzoni preferite di questo LP, invece, è “Only The Truth”, disegnata con il piano: la sua gentilezza e i suoi sentimenti ci regalano emozioni forti e vere e ci colpiscono al cuore.

“Twisted” sembra un indie-rock dai toni piuttosto morbidi, ma improvvisamente la Warren lascia uscire la sua rabbia e in un paio di occasioni i suoi vocals sembrano impazzire come in un senso liberatorio.

“Faking Amnesia” poi lavora parecchio con il piano, ma qui l’atmosfera è più cupa, elettrizzante e aggressiva, la velocità aumenta e i suoni si fanno più ricchi grazie anche all’aiuto di arrangiamenti orchestrali e di un intenso drumming, mentre “Every Death”, seppur piuttosto buia, è una gradevole ballata riflessiva e piena di sentimenti.

Davvero un album interessante e con numerosi spunti che dimostrano un coraggioso salto in avanti da parte della Warren: gli applausi sono meritati.

Photo Credit: Shervin Lainez

Tracklist
1. Rose Potion
2. Part Of It
3. Only The Truth
4. Bed Of Nails
5. Twisted
6. Hole In The Wall
7. Faking Amnesia
8. Every Death
9. Thru Yr Teeth
10. Bones Of Abandoned Futures
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...