MAN MAN
Dream Hunting nella Valley of the In-Between

[ Sub Pop - 2020 ]
7.5
 
Genere: Rock Sperimentale, pop orchestrale
 
8 Maggio 2020
 

Sono più di sei anni che i Man Man non si fanno ascoltare con un nuovo lavoro, non che Ryan Kattner motore propulsore della band nel frattempo sia stato con le mani in mano, tra varie collaborazioni musicali, partecipazioni in qualità di attore in film indipendenti e docu-film ( “Woe”, ” So It Goes “, “Use Your Delusion” ), realizzatore di  una serie animata, scrittore di  sceneggiature di film e graphic novel, direi che si è tenuto impegnato.

Nel frattempo però è riuscito a ritagliarsi del tempo per scrivere i ben 17 pezzi nuovi che compongono questo inedito album per la Sub Pop Records: un lavoro, diciamolo subito, validissimo, che in questo periodo cosi particolare è proprio quello che ci voleva, frizzante, a tratti scatenato (o che ti fa scatenare), con tanta carne (strumenti) al fuoco, che ti fa viaggiare (con la fantasia) e con arrangiamenti veramente divertenti.

La produzione è stata affidata all’amico e fedele collaboratore Cyrus Ghahremani, mentre al mixaggio è stato chiamato S. Husky Höskulds già al lavoro con nomi del calibro di Norah Jones, Tom Waits , Mike Patton, Solomon Burke,  M83, DIIV, Paramore, per un lavoro che indubbiamente rilancia la band.

Il breve brano strumentale di apertura “Dreamers” introduce a “Cloud Nein”, che avevamo apprezzato come primo singolo accompagnato da un bel video, e che dimostra la capacità di Ryan Kattner nello scrivere grandi pezzi con potenzialità pop, c’e’ da dire che nell’album il pezzo cambia rispetto alla versione del singolo, è diverso, ma a mio avviso anche migliore.

Con “On the Mend” muove la canzone su note da cabaret, che vengono completate e superate quando si aggiungono gli altri strumenti a riempire il tutto, per creare un insieme che da l’idea del sound pieno e strumentale che troveremo in gran parte dei brani.

Trovare dei pezzi che non mi piacciono è davvero difficile. “Lonely Beuys”, che si muove sulle note del pianoforte (che possiamo dire domina la parte compositiva dell’album), è una bella canzone, dedicata a Joseph Beuys, artista concettuale tra i  più influenti del dopoguerra (si poneva come obiettivo la trasformazione della cultura occidentale in qualcosa di pacifico, democratico e creativo attraverso una visione ampliata e consapevole dell’arte).

“Future Peg ” lo avevamo ascoltato come secondo singolo e si può ripetere quello detto per “Cloud Nein”, bel pezzo pop capace di farti alzare e ballare, seguito da “Goat ” che ci fa piombare in mezzo al deserto, dove un fiato jazzeggiante ci accompagna mentre ci troviamo a dover fronteggiare una malefica capra.

Stiamo per soccombere ma ecco che ci ritroviamo fortunatamente catapultati su una spiaggia con i Man Man che  ci cantano “Inner Iggy”  mentre sorseggiando un cocktail dal tavolo vicino  una delle  Coconuts ci fa l’occhiolino e Kid Kreole ci saluta,  insomma, ripetiamo, l’album perfetto per viaggiare, almeno con la fantasia, arrivato proprio nel momento giusto.

I pezzi si mantengono interessanti anche quando il ritmo si abbassa come in “Hunters” o in “Animal Attraction “, molto elegante e che dimostra la grande capacità di Ryan Kattner e dei suoi musicisti e collaboratori di valorizzare la potenzialità melodica dei suoi brani. Si giunge così verso la fine, devo dire senza stanchezza, ma con la voglia di ascoltare ancora tutto, venendo premiati da brani come “Sheela” e soprattutto  “If Only” con il pianoforte, i fiati leggeri e la voce quasi sussurrata di una delicata Dre Babinski degli Steady Holiday a completare un lavoro davvero ben riuscito.

E’ un album che si segue con piacere fino alla fine senza annoiarsi, e di questi tempi è già molto: tra gli ascolti più piacevoli e divertenti che ci potesse capitare in questo assurdo periodo.

Photo credit : Dan Monick

Tracklist
1. Dreamers
2. Cloud Nein
3. On the Mend
4. Lonely Beuys
5. Future Peg
6. Goat
7. Inner Iggy
8. Hunters
9. Oyster Point
10. The Prettiest Song in the World
11. Animal Attraction
12. Sheela
13. Unsweet Meat
14. Swan
15. Powder My Wig
16. If Only
17. In the Valley of the In-Between
 
 

Curtis Harding – If Words ...

“Regalami i fiori finché sono qui!” Chiedeva spesso la madre di Curtis Harding al proprio figlio. Lui forse non glieli comprava spesso ...

Red Kite – Apophenian Bliss

I Red Kite vengono dalla Norvegia e la loro ascesa oltre i confini nazionali è cominciata con l’esordio omonimo del 2019. Erano pronti a ...

Adele – 30

Si fa aspettare: ma solo per non deludere le aspettative. Adele è quel tipo di artista che non segue il trend: ne crea direttamente uno ...

Aimee Mann – Queens of the ...

Ci sono cantautrici, nel panorama musicale contemporaneo, che hanno saputo segnare un’epoca, pur rimanendo lontane dai riflettori e ...

Gianluca Secco – DanzaFerma

Gianluca Secco è un artista che seguo da tempo, ma posso dire che la mia passione per la sua vicenda artistica è scoccata in occasione di ...