SILVER SUN
Switzerland

[ Autoprodotto - 2020 ]
7
 
Genere: power-pop, pop-punk
Tags:
 
11 Maggio 2020
 

Esce quasi in modo “clandestino” il nuovo album dei simpatici Silver Sun. I londinesi, che in realtà in studio sono una vera e propria emanazione del solo James Broad, si rifanno vivi con il piacevole album “Switzerland” che conferma la felice vena creativa di una band che, pur lontana dai riflettori che contano, continua a deliziare i suoi fan con album ricchi di chitarre, power e punk- pop e gustosissime melodie.

Se dobbiamo essere sinceri, dopo aver visto i Silver Sun (in ottima forma) come supporto degli Sleeper nel lontano dicembre 2017, pensavamo che quetso “Switzerland” sarebbe arrivato prima, ma non stiamo qui a cercare il pelo nell’uovo e godiamoci l’ascolto.

Come già accaduto per “A Lick & A Promise” il suono si è leggermente spostato verso il punk, andando a toccare territori cari ai Green Day, tanto per capirsi, ma non certo quelli fuori fuoco degli ultimi dischi, quanto piuttosto quelli particolarmente ispirati dei pezzi più pimpanti di “American Idiot” (“Fireworks”). Anche gli orfani dei Weezer più carichi troveranno pane per i loro denti. Ma a questo punto viene da chiedersi se chi ama le peculiarità del sound Silver Sun sarà soddisfatto. La risposta è affermativa. Ci sono i gustosi coretti alla Beach Boys, armonie impeccabili, ritornelli a presa rapida e ganci costruiti per entrare subito in testa non mancano mai. I pezzi sono brevi, immediati, con il motore che gira a pieno ritmo, escludendo la sola “Photograph” che serve giusto per riprendere un attimo fiato. In alto le mani per delizie come “Earth Girls Are Easy” che pare una versione “più muscolosa” dei Dodgy, il power-pop di “Over Me At All?” (un incrocio tra i primi Beatles e i Fountains Of Wayne) e “Big Wheel” che sul primo disco dei nostri eroi (1997!) avrebbe fatto un figurone. A un passo dall’hard-rock il pezzo finale “Love That Body”, che non si risparmia in chitarre e gran lavoro ritmico.

Ancora una volta con i Silver Sun il divertimento è assicurato!

Tracklist
1. Earth Girls Are Easy
2. Fireworks
3. Needle In The Ball Pit
4. God Room
5. Photograph
6. Big Wheel
7. Pull Me To The Wonder
8. Chain Of Command
9. Over Me At All
10. Original Girl
11. Love That Body
 
 

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...

Lomelda – Hannah

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “M For Empathy”, il terzo album di Lomelda, ma nei giorni scorsi la folk-singer ...

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...