GHOSTPOET
I Grow Tired But Dare Not Fall Asleep

[PIAS – 2020]
7.5
 
 
13 Maggio 2020
 

Abbiamo infinite possibilità di scelta ma sembriamo pietrificati, congelati, condannati ad affrontare la tempesta che si sta avvicinando…” dichiarava qualche mese fa Obaro Ejimiwe in arte Ghostpoet parlando del nuovo album “I Grow Tired But Dare Not Fall Asleep”. Non era certo quella virale la tempesta evocata dal poeta fantasma ma quelle frasi fanno pensare, rilette oggi.

Riflettere è un verbo chiave nel quinto lavoro di Ejimiwe scritto, arrangiato e prodotto da lui a Londra. Musica che riprende il discorso iniziato in “Shedding Skin” e “Dark Days + Canapes”: spoken word su arrangiamenti art rock con l’aiuto di collaboratrici come Polly Mackey (Art School Girlfriend) e Delilah Holiday delle Skinny Girl Diet, la francese SaraSara e Katie Dove Dixon.

“I Grow Tired But Dare Not Fall Asleep” ha il ritmo lento, sghembo e pericoloso di un noir con archi, sintetizzatori, moltissimo basso e chitarre. Strumenti che dominano fin dalle prime note di “Breaking Cover”, sei minuti che chiariscono perfettamente dove voglia trascinarci il poeta fantasma. Un mondo cupo, spettrale, descritto con minime ma significative variazioni sonore. “What becomes of me” si chiede Obaro Ejimiwe nell’epica “Humana Second Hand” e la domanda resta senza risposta, nebbia tagliata dalla sirena blues di “Concrete Pony”.

Un quinto album complesso e intenso da prendere a piccole dosi, che soffre di qualche passaggio a vuoto (il poema in musica “This Trainwreck Of A Life”nonostante il testo ben scritto, “When Mouths Collide”) bilanciato da brani col groove giusto come “Black Dog Got Silver Eyes”, “Nowhere To Hide Now” o “Social Lacerations”e la title track. Razzismo, Brexit, Windrush Generation, sex e doomed love. Non si fa mancare nulla Obaro Ejimiwe.

Qualcuno lo troverà noioso, altri ipnotico e affascinante, altri ancora rimpiangeranno gli esordi di “Peanut Butter Blues & Melancholy Jam” e “Some Say I So I Say Light”. A Ghostpoet poco importa: lui spietato e vulnerabile si guarda allo specchio. Dice la sua invitando l’ascoltatore a fare lo stesso.

Credit foto: Emma Dudlyke

Tracklist
1. Breaking Cover
2. Concrete Pony
3. Humana Second Hand
4. Black Dog Got Silver Eyes
5. Rats In A Sack
6. This Trainwreck Of A Life
7. Nowhere To Hide Now
8. When Mouths Collide
9. I Grow Tired But Dare Not Fall Asleep
10. Social Lacerations
 
 

Kevin Morby – Sundowner

Sempre piuttosto puntuale Kevin Morby realizza anche in questo triste 2020 un nuovo LP, il suo sesto solista, che arriva a distanza di ...

Anna von Hausswolff – All ...

Da tempo ormai la fatina svedese Anna von Hausswolff si è incamminata in un sentiero musicale ricco di incrinature, lontana da afflati pop ...

Jónsi – Shiver

C’era una discreta attesa per il nuovo lavoro da solista – a distanza di dieci anni dal suo esordio – di Jón Þor ...

Emmy The Great – April / ...

Era il febbraio 2016 quando Emmy The Great aveva pubblicato il suo terzo LP, “Second Love”: è passato ormai parecchio tempo, la Moss si ...

Working Men’s Club – ...

Abbiamo puntato le luci dei nostri riflettori sulla band di Sydney Minsky-Sargeant sin dai singoli d’esordio, quando la prima ...