CAR SEAT HEADREST
Making a Door Less Open

[ Matador - 2020 ]
7
 
Genere: Indietronica, Elettro Rock
 
di
15 Maggio 2020
 

Rieccolo Will Toledo, nome chiacchierato e financo amato, uno di quelli che dagli esordi lo-fi nella propria cameretta, chitarra elettrica in spalla, ne ha fatta di strada e raccolto di proseliti, fino all’applaudito “Teens of Denial”, Annus Domini 2016, ad oggi vero oro nel medagliere dell’americano.

Un ragazzo con la sua apparenza (e non solo?) nerd ai limiti del dimesso, la sua iperproduttività, la sua intraprendenza che si è ritrovato ad essere un artista che gode della stima di una pletora sempre più numerosa di fan in lungo ed in largo per il globo.

Ed al netto di moniker e maschere (qua spunta quella col nome di Trait, e gente che si spreca sul significato oggi di una maschera, figurato o meno) è sempre il buon Will a tenere le fila: con intraprendenza – come detto- sempre maggiore, tant’è che a questo giro non si fa mancare nemmeno un manifesto programmatico di matrice simil futurista.

Un album, questo, dalla lunga incubazione (inizio 2015-fine 2019) e con un gruppo vero e proprio che ormai si è consolidato intorno al padrone di casa (tra cui Andrew Katz, non solo batterista, ma co-produttore, seconda voce, piccolo tuttofare dell’elettronica e della fase di missaggio, che con Will ha anche in ballo il progetto 1 Trait Danger): registrato prima in maniera “tradizionale” tra chitarre e batteria, quindi tra interventi elettronici e sintetici, e che alla fine ha visto la luce come fusione delle due versioni. Con incastri che possono dirsi riusciti.

Nel calderone finisce diversa roba: flirta con il noise, con l’hip-hop (“Hollywood”), con la new wave 80’s più geniale, stropiccia e sporca il suono, si atteggia ad alieno per tornare sulla terra poco dopo (vedi la pillola “What’s With You Lately”), sciorina bordate di laser ed elettronica pura [“Deadlines (Thoughtful)”] ma non perde di carattere distintivo, di istinto rock melodico dalla trazione chitarristica, e la sua scrittura risulta ancora una volta peculiare, lucida e riconoscibile per una, a tratti cinica, sincera genuinità. E’ un album à la Car Seat Headrest, nonostante tutto. Che prende buona quota per non perderla: e si svolazza ordunque con brani come la memorabile e contagiosa “Martin”, “There Must Be More Than Blood” che attacca graffiante, disturbata e nevrotica per assestarsi in un più calmierato incedere grazie alla voce del Nostro, o ancora con i bagliori luccicanti di “Life Worth Missing”.

Già è un nome di rilievo, il ventottenne Will: quando la sua carica produttiva troverà la perfetta incanalatura e il giusto filtro che ne garantiranno anche la qualità in termini assoluti senza strafare con generi e minutaggio, ecco che diventerà inesorabilmente il benchmark per chissà quante nuove leve sparse per il mondo. Se non lo è, del resto, già da un po’.

 

Tracklist
1. Weightlifters
2. Can't Cool Me Down
3. Deadlines (Hostile)
4. Hollywood
5. Hymn (Remix)
6. Martin
7. Deadlines (Thoughtful)
8. What's With You Lately
9. Life Worth Missing
10. There Must Be More Than Blood
11. Famous
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente Shepherd In A Sheepskin Vest che aveva sancito il grande ritorno del ...