KATATONIA
City Burials

[ Peaceville Records - 2020 ]
6.5
 
Genere: progressive rock
Tags:
 
15 Maggio 2020
 

L’uscita di un nuovo album dei Katatonia non poteva capitare in un momento migliore. O peggiore, che dir si voglia. I maestri del progressive metal più triste e dolente tornano a sconquassarci l’anima con le dodici tracce di “City Burials”, un lavoro abbastanza impegnativo che di certo renderà più amare le vostre giornate post-isolamento.

La pandemia di COVID-19 vi sta privando di ogni tipo di certezza e il futuro vi sembra sempre più buio? Beh, se avete bisogno di musica in grado di tirarvi un po’ su di morale, fuggite a gambe levate da questo disco. La band di Jonas Renkse, reduce da una pausa creativa protrattasi per quattro anni, non ha alcuna voglia di farci sorridere.

Le canzoni di “City Burials”, tanto per cambiare, affondano le proprie radici nelle lande desolate di una depressione cupissima ma al tempo stesso quieta, considerando la totale assenza di quella pesantezza sonora che ai Katatonia delle origini non mancava. Di album in album, lo spirito doom metal del quintetto svedese è andato affievolendosi, lasciando campo aperto a un rock progressivo che non disdegna incursioni nel dark e persino nell’elettronica, anche se in toni assai lievi.

Alcuni passaggi di “Lacquer” e “Vanishers”, così come la brevissima ma splendida “Lachesis”, risentono dell’influenza del trip hop più oscuro e gotico. Le chitarre e i riffoni di “Heart Set To Divide” e “Fighters”, uno dei brani più heavy in scaletta, sembrano quasi confinati in ruoli di contorno. I Katatonia di “City Burials” non rinunciano ai suoni rocciosi ma prediligono l’eleganza; ci regalano melodie sofferte, conturbanti ma non prive di una certa capacità di far presa, come ben testimoniato dai ritornelli di “Behind The Blood” e “Flicker”, probabilmente scritti con l’intento di guadagnarsi qualche passaggio radiofonico.

I fan duri e puri apprezzeranno, ma è difficile aspettarsi reazioni entusiastiche da parte dei semplici estimatori: il nuovo lavoro dei Katatonia seduce ma non conquista. Tanta classe e poco altro.

Photo credit Ester Segarra

Tracklist
1. Heart Set To Divide
2. Behind The Blood
3. Lacquer
4. Rein
5. The Winter Of Our Passing
6. Vanishers
7. City Glaciers
8. Flicker
9. Lachesis
10. Neon Epitaph
11. Untrodden
12. Fighters
 
 

The Rentals – Q36

Il progetto musicale The Rentals che porta la firma di Matt Sharp, bassista e co-fondatore dei Weezer, è giunto al quarto album a sei anni ...

Jessy Lanza – All The Time

Jessy Lanza ha l’animo della musicista globe trotter. Canadese di nascita, americana d’adozione, ha attirato l’attenzione di chi cerca ...

Cub Sport – Like Nirvana

Vengono da Brisbane (Australia) i Cub Sport, tre album alle spalle e una storia ancora più lunga: fondati nel 2010 da Tim Nelson prima col ...

Kid Francescoli – Lovers

Ebbene sì, Kid Francescoli prende il suo moniker proprio dal noto centrocampista uruguyano che negli anni ’90 ha giocato a Cagliari e a ...

Winter – Endless Space ...

Questa volta la nostra Samira Winter fa davvero centro. Il nuovo album della fanciulla di origini brasiliane, ma residente in America, ...