I BREAK HORSES
Warnings

[Bella Union – 2020]
7.5
 
Genere: Dream pop
 
20 Maggio 2020
 

Non è stata semplice la genesi di “Warnings”, terzo disco del duo svedese I Break Horses. Un percorso in crescendo il loro, iniziato con le chitarre shoegaze di “Hearts” e proseguito con il mix dream pop – elettronico di “Chiaroscuro” che ha portato fortuna, concerti e consensi a Maria Lindén e Fredrik Balck. L’album numero tre doveva essere qualcosa di diverso, di più ambizioso.

Ci sono voluti sei anni per registrarlo, tra collaborazioni che non funzionavano e ventiquattro mesi di lavoro andati in fumo per la rottura di un hard drive. Fondamentale l’amicizia col produttore americano Chris Coady che ha creato per gli I Break Horses un suono vivido e cadenzato. La voce di Maria Lindén è in primo piano in brani come l’intensa “Turn” o la cangiante “Silence” in cui a dominare sono sintetizzatori e drum machine.

Frequenti gli intermezzi spoken word e strumentali, idea che può essere spiazzante all’inizio ma rientra nel piano di Lindén e Balck: non fare un album immediato, concentrandosi invece su atmosfere coinvolgenti anche quando il ritmo si alza e si avvicina al synth pop (“I’ll Be The Death Of You”, “Neon Lights”). Il meglio però i due lo danno quando l’orologio scorre lento e sicuro come nella vulnerabile “I Live At Night”, in “The Prophet” o in “Baby You Have Travelled For Miles Without Love In Your Eyes”.

Forse il miglior modo di descrivere il disco degli I Break Horses è “norrsken”, parola che in svedese indica l’aurora boreale. Nitido come l’alternanza di colori che muta nel cielo, “Warnings” nasconde in realtà un’indole scura, empatica e inquietante soprattutto nel finale (“Death Engine”, una “Depression Tourist” volutamente carica di effetti vocali) . Non va tutto bene nel mondo di Maria Lindén e Fredrik Balck ma il loro resta un viaggio affascinante.

Foto credit: Fredrik Balck

Tracklist
1. Turn
2. Silence
3. L A R M
4. I'll Be The Death Of You
5. D E N L I L L A P å S E A V L Y C K A
6. The Prophet
7. Neon Lights
8. I Live At Night
9. Baby You Have Travelled For Miles Without Love In Your Eyes
10. Death Engine
11. A B S O L U T A M O L L P U N K T E N
12. Depression Tourist

 
 

Fleet Foxes – Shore

Oggi non è un giorno a caso, ma l’equinozio d’autunno. Il 22 settembre, infatti, è stato volutamente e simbolicamente scelto da Robin ...

Matt Costa – Yellow Coat

La carriera di Matt Costa inizia nell’ormai lontano 2003 con il suo omonimo primo EP, pubblicato da Venerable Media: passano appena due ...

Lomelda – Hannah

E’ passato appena un anno e mezzo dall’uscita di “M For Empathy”, il terzo album di Lomelda, ma nei giorni scorsi la folk-singer ...

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...