OGGI “SHE HANGS BRIGHTLY” DEI MAZZY STAR COMPIE 30 ANNI

 
21 Maggio 2020
 

Non sempre è necessario parlare, descrivere, comunicare la bellezza. Andrebbe osservato religioso silenzio magari accompagnandolo da espressioni del volto che potrebbero indicare le emozioni che si provano.

I Mazzy Star non esistono più perchè Dave Roback ci ha lasciato recentemente, eppure come spesso capita, la musica serve a lenire perdite e il senso del mai che ci invade. Sono trent’anni esatti dalla pubblicazione di “She Hangs Brightly”, il loro primo album, e nulla appare anacronistico o poco splendente. Non sono ancora i Mazzy Star dai suoni dilatati e notturni, inquietanti e spirtuali, ma ci vanno vicino conservando ancora una nota di folk rock ben presente e sapientamente fusa con dream pop raffinato.

Hope Sandoval non è ancora sciamanica e non lavora per sottrazioni, ma ci inebria con la sua suadente carezza in “Halah”, ci accompagna prendendoci per mano nella splendida “Blue Flower” (cover degli Slapp Happy, ripresa anche dai Pale Saints), viaggia con noi al chiaro di luna in “Ride it On”.

“She hangs Brightly”, la title track è mesmerica e darkeggiante, arricchita da un organo con profumi di Doors. Il duo dà fondo alla vena più elettrica e a tratti blues e “Taste of Blood” ne è fulgido esempio. Il disco non ha sussulti clamorosi, ma scivola via con piacevolezza e dà la misura di quello che ci aspetterà in futuro, sublimando tutte le peculiarità già mostrate qui.

“Before I Sleep”, ultimo brano dell’album, ci apre infatti al mondo che verrà: i Mazzy Star sapienti manipolatori di sussurri e vuoti, sognanti e suadenti perchè una voce come quella di Hope Sandoval è dono divino.

Pubblicazione: 21 maggio 1990
Durata: 40:28
Dischi: 1
Tracce: 11
Genere: Dream pop, Paisley Underground
Etichetta: Rough Trade, Capitol
Produttore: David Roback

Tracklist:

Halah – 3:16
Blue Flower – 3:35 (Peter Blegvad, Anthony Moore)
Ride It On – 3:01
She Hangs Brightly – 6:24
I’m Sailin’ – 3:13 (Minnie McCoy)
Give You My Lovin’ – 3:50 (Sylvia Gomez)
Be My Angel – 3:17
Taste Of Blood – 5:36
Ghost Highway – 3:28 (David Roback)
Free – 3:11
Before I Sleep – 2:10

 

Oggi “Bang Bang Rock n Roll” ...

di Stefano Bartolotta La parabola degli Art Brut, e in particolare del loro debutto “Bang Bang Rock n Roll”, è il classico esempio che ...

Oggi ” Peter Gabriel III ...

Verso la fine degli anni 70 ci furono grandi artisti che seppero cavalcare e dominare con personalità  l’ondata new wave, ...

Oggi “Don’t Believe the ...

Lo ammetto candidamente, quando mi è stato proposto di omaggiare questo album degli Oasis (il loro sesto di inediti in studio) non ne ero ...

Oggi “Pod” dei Breeders ...

Sono passati trent’anni da “Pod”, disco che segnava il debutto dei Breeders, un progetto che si era prefigurato ben presto ...

Oggi “Grand Prix” dei ...

Difficile e nello stesso tempo facilissimo parlare di questo disco. L’ambivalenza nasce semplicemente dal fatto che questo ...