OGGI “FLESH + BLOOD” DEI ROXY MUSIC COMPIE 40 ANNI

 
23 Maggio 2020
 

“Flesh + Blood” è uscito a maggio 1980 quando ancora furoreggiava il dibattito punk vs disco e i Roxy Music erano ormai un trio allargato, privi di Brian Eno e del batterista storico Paul Thompson mentre resisteva Andy Mackay al sassofono. Brian Ferry e Phil Manzanera si occupavano di buona parte della scrittura dei brani di un album (il settimo) che conteneva anche due cover: “In the Midnight Hour” di Wilson Pickett e “Eight Miles High” dei The Byrds.

Le avventure sonore e compositive dell’era Eno erano ormai alle spalle, con buona pace dei critici che con poche eccezioni bocciarono aspramente il nuovo corso dei Roxy Music. Ferry e Manzanera in realtà erano diventati piuttosto abili nel cesellare ritornelli smaccatamente pop con alto tasso di melodico romanticismo, come “Oh Yeah” tratteggiata da Ferry o il singolo “Over You” scritto da entrambi per non parlare poi del falsetto di “Same Old Scene”.

I Roxy Music abbracciavano un suono che li proiettava in pieni anni ottanta, aprendo la strada a tanti gruppi britannici che sarebbero emersi di lì a poco e che non hanno mai nascosto di dover molto alla raffinatezza di dischi come “Stranded”, “Siren”, “Manifesto” con la mega hit “Spin Me Round” ma anche all’estetica di questo album, con la stilosa copertina curata da Peter Saville.

“Flesh + Blood” non era solo una serie di singoli di successo, metteva sul piatto il piccolo dramma di “My Only Love” col suo emblematico assolo di chitarra, il basso camminante di Alan Spenner in “Rain Rain Rain” che gareggiava con quello di Neil Jason suonato in “No Strange Delight”, il sax di Mackay in “Running Wild”.

Il disco è arrivato al numero uno delle classifiche inglesi e ci è rimasto per quattro settimane non consecutive tra giugno e agosto 1980, segno evidente che il pubblico stava ancora dalla parte di Bryan Ferry e soci.

Data di pubblicazione: 23 maggio 1980
Registrato: Basing Street Studios, Gallery Studios
Tracce: 10
Lunghezza: 41:56
Etichetta: E.G. / Atco / Reprise
Produttori: Rhett Davies e Roxy Music

1. In the Midnight Hour
2. Oh Yeah
3. Same Old Scene
4. Flesh and Blood
5. My Only Love
6. Over You
7. Eight Miles High
8. Rain Rain Rain
9. No Strange Delight
10. Running Wild

 

Oggi “Bang Bang Rock n Roll” ...

di Stefano Bartolotta La parabola degli Art Brut, e in particolare del loro debutto “Bang Bang Rock n Roll”, è il classico esempio che ...

Oggi ” Peter Gabriel III ...

Verso la fine degli anni 70 ci furono grandi artisti che seppero cavalcare e dominare con personalità  l’ondata new wave, ...

Oggi “Don’t Believe the ...

Lo ammetto candidamente, quando mi è stato proposto di omaggiare questo album degli Oasis (il loro sesto di inediti in studio) non ne ero ...

Oggi “Pod” dei Breeders ...

Sono passati trent’anni da “Pod”, disco che segnava il debutto dei Breeders, un progetto che si era prefigurato ben presto ...

Oggi “Grand Prix” dei ...

Difficile e nello stesso tempo facilissimo parlare di questo disco. L’ambivalenza nasce semplicemente dal fatto che questo ...