THAO & THE GET DOWN STAY DOWN
Temple

[ Domino - 2020 ]
6.5
 
 
27 Maggio 2020
 

Erano oltre quattro anni che non avevamo notizie dei Thao & The Get Down Stay Down, quando la band di San Francisco aveva pubblicato il suo quarto LP, “A Man Alive”: questo weekend, invece, è arrivato il suo successore “Temple”, realizzato da Ribbon Music e Domino Recording Company.

Prodotto dalla frontwoman Thao Nguyen insieme al bassista Adam Thompson, questo nuovo album viene descritto come il lavoro più aperto e onesto della musicista di origini vietnamite nativa della Virginia, dopo il suo coming out nella vita pubblica, in cui aveva tenuto nascosto a lungo la sua identità queer per non creare subbuglio e alienazione da una famiglia e da una cultura che ama profondamente: “Questo disco parla di me in maniera specifica”, ha confermato soddisfatta Thao in una recente intervista.

I californiani ci soprendono subito con “Phenom”: quasi giocoso, questo pezzo fa ampio uso di potenti beat presi dal mondo hip hop e sembra recuperare influenze dai Beastie Boys. Forse perché così inaspettato (almeno da chi scrive), ci spiazza profondamente, ma risulta comunque interessante.

Anche la successiva “Lion On The Hunt” non riesce a entrarci nel cuore fino in fondo: probabilmente a causa di una produzione pop troppo sperimentale la canzone perde la retta via e non ci convince del tutto.

Bellissima, invece, “Marauders”, dal tocco sognante e dall’atmosfera riflessiva: qui la voce della Nguyen viene valorizzata al massimo e il pezzo ne guadagna in classe e qualità.

“How Could I” contiene influenze punk, ma sono le melodiose linee del synth e le veloci percussioni a darle quella grazia e quella freschezza di cui si sentiva il bisogno, mentre “Disclaim” viaggia su terreni free jazz non facili e scontati e di assoluto valore.

Un disco che non ci convince sempre, ma che mostra comunque spunti di buon interesse: non sappiamo che idee potranno avere Thao e compagni per il loro prossimo album, ma il loro cammino senza dubbio ha ancora parecchio da dire.

Photo Credit: Shane McCauley

Tracklist
1. Temple
2. Phenom
3. Lion On The Hunt
4. Pure Cinema
5. Marauders
6. How Could I
7. Disclaim
8. Rational Animal
9. I’ve Got Something
10. Marrow
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...