POPULOUS
W.

[La Tempesta – 2020]
8
 
Genere: Dance, elettronica
 
1 Giugno 2020
 

Sembra un quadro cubista la coloratissima copertina creata da Nicola Napoli per “W” (abbreviazione di Woman) nuovo e sesto album di Andrea Mangia in arte Populous. DJ, produttore, musicista eclettico è riuscito con curiosità e pazienza a conquistare un pubblico ampio e variegato anche grazie ad “Azulejos” uscito tre anni fa. Un disco che ha aperto a Populous le porte del successo trasformandolo in uno dei nomi di punta della scena elettronica italiana.

“W” prende il testimone da quell’album ed è un omaggio alle donne, all’essere femminile in ogni sua forma e declinazione. Giappone, Italia, Sudamerica sono solo alcuni dei luoghi in cui trasporta Andrea Mangia in questi quarantadue minuti. Dieci brani collaborativi creati con e affidati ad altrettante signore delle sette note: l’argentina Sobrenadar, Paulina dei messicani Sotomayor (insieme al fratello Raúl), le brasiliane Emmanuelle e Barda, le producer Kaleema e Weste, la giapponese Cuushe (Mayuko Hitotsuyanagi) e le italiane M¥SS KETA, L I M, Matilde Davoli, Lucia Manca si alternano al microfono in un giro del mondo tra lingue, stili e vibrazioni diverse.

Voci forti con un obiettivo comune, un gioco di squadra che rende “W” un progetto compatto e multiforme con una forte identità queer e inclusiva. Elettronica minimale, dance, electro-cumbia, ritmi ora cadenzati ora più spigolosi e un tocco raffinato che emerge particolarmente nel quartetto di brani iniziali (“Desierto” – “Soy Lo Que Soy” – “Flores No Mar” – “Fuera De Mi”) dimostrano come Populous sappia ormai destreggiarsi con sonorità e minutaggi vari mantenendo intatta la qualità.

Gli universi ritmici inaugurati in “Night Safari” ed esplorati in “Azulejos” si trasformano in storie, facce (quelle di Grace Jones, Missy Elliott, Loredana Berté, RuPaul, Aaliyah, Amanda Lear, Beth Ditto e Divine in copertina) sogni contemporanei declinati in un sound gentile tra riferimenti cinematografici (“Roma” di Cuarón omaggiato nel finale) e un’anima tropicale a cui Populous non intende rinunciare.

Credit foto: Ilenia Tesoro

Tracklist
1. Desierto
2. Soy Lo Que Soy
3. Flores No Mar
4. Fuera De Mi
5. House Of Keta
6. Banda
7. Petalo
8. Out Of Space
9. Getting Lost
10. Roma
 
 

Nadine Shah – Kitchen Sink

Tre anni dopo “Holiday Destination” torna Nadine Shah con un disco conturbante, diverso da quanto fatto in passato anche se non certo ...

Pottery – Welcome To ...

Ci fanno assaggiare il loro valore i Pottery che questo weekend hanno pubblicato il loro debutto full-length, in arrivo a distanza di un ...

Cristiano Godano – Mi Ero ...

Alcuni suoni, alcune immagini, alcuni volti, alcune sensazioni, prendono vita dentro di noi, in maniera spontanea, quasi a voler evidenziare ...

Edda e Marok – Noio; volevam ...

Due mostri sacri della scena alternativa italiana, Edda e Gianni Maroccolo, hanno pensato bene durante la fase della quarantena, quando ...

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...