JEFF ROSENSTOCK
NO DREAM

[Specialist Subject - 2020]
7
 
Genere: indie-punk,punk-pop
 
3 Giugno 2020
 

Il 1° gennaio 2018 Jeff Rosenstock aveva pubblicato a sorpresa il suo terzo LP, “Post-“, mercoledì scorso, sempre senza alcun preavviso, il musicista di Long Island ha realizzato anche il suo nuovo album, “No Dream”, prodotto da Jack Shirley (Deafheaven, Joyce Manor).

Il disco, che è uscito per Specialist Subject Records in Europa e Polyvinyl negli Stati Uniti, vedrà la sua release fisica solo a fine luglio, ma è già disponibile in versione digitale (il 10% delle vendite digitali andrà all’associazione benefica vegana e vegatariana Food Not Bomb).

Numerosi i gruppi in cui Jeff ha suonato o in cui ancora suona (come gli Antarctigo Vespucci, il suo progetto insieme a Chris Farren), così come le sue collaborazioni con altri musicisti, ma ora era il momento giusto per concentrarsi di nuovo sul suo progetto solista con Rosenstock che ci fa sapere che molto di ciò che si trova sul suo nuovo album “viene dall’ansia che ho provato negli ultimi due anni, questa crisi esistenziale di chiedermi chi sono.”

Tredici canzoni per quaranta minuti (una media quasi perfetta di tre minuti a canzone) e, dopo aver premuto il tasto play su Spotify il delirio inizia: aggressivo, cortissimo (sotto il minuto di lunghezza), “NO TIME” ci ricorda il Frank Turner più vero, quello in cui appaiono ancora le sue origini punk, mentre la melodia, il divertimento, le chitarre a ritmi folli e la voglia di pogare e sudare non possono mancare.

Se “Leave It In The Sun” sembra trasportarci nel punk-pop più bello e pulito di inizio anni ’90, la title-track “NODREAM” parte molto tranquilla e lo-fi per poi esplodere, aumentando in maniera esponenziale la sua velocità, ma anche mettendo in luce la parte più emotiva di Rosenstock.

“*** BNB”, dopo un inizio riflessivo, mostra il suo carattere power-pop che ci fa ritornare in mente i primi Weezer con queste potenti chitarre fuzzy e quei bellissimi cori che ci ricordano i migliori Cribs.

Molto interessante anche lo spunto di “Old Crap” che dopo pochi secondi puo’ sembrare quasi un pezzo folk, ma lasciare poi spazio a numerosi e potenti virtuosismi chitarristici math-rock davvero apprezzabili; emotivo e melodico, infine, “Ohio Tpke”, chiude il disco con una notevole dose di eccitazione e di adrenalina.

Un disco davvero piacevole questo “No Dream” che ci fa vedere ancora una volta quanto sia apprezzabile il lavoro di Jeff nel creare e costruire le sue canzoni, belle, divertenti, punk ed esaltanti, ma certamente non banali.

Photo Credit: Christine Mackie

Tracklist
1. NO TIME
2. Nikes (Alt)
3. Scram!
4. N O D R E A M
5. State Line
6. f a m e
7. Leave It In The Sun
8. The Beauty Of Breathing
9. Old Crap
10. ***BNB
11. Monday At The Beach
12. Honeymoon Ashtray
13. Ohio Tpke
 
 

Antonioni – Antonioni

Anche se le nuove regole di un mondo che combatte il virus ci ha costretti agli arresti domiciliari, possiamo almeno coccolare i nostri ...

Death From Above 1979 – Is 4 ...

Sembravano destinati a restare in eterno delle meteore i Death From Above 1979 che nel 2006, un paio di anni dopo aver dato alle stampe ...

Du Blonde – Homecoming

Registrato tra Newcastle, Los Angeles e Londra, “Homecoming” è il quarto album per Beth Jean Houghton (il terzo con il moniker di Du ...

Jacques Moolman – The Great ...

Jacques Moolman proviene da Johannesburg ed è il frontman degli Shadowclub, rock band sudafricana: dopo aver passato i suoi anni formativi ...

The Natvral – Tethers

Dopo aver chiuso il ciclo dei Pains Of Being Pure At Heart con il quarto LP, “The Echo Of Pleasure”, uscito a settembre 2017, Kip Berman ...