THE HONEYDRIPS
Here Comes The Sun

[The Future Sound of Stockholm – 2020]
7.5
 
Genere: Indie pop
 
5 Giugno 2020
 

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più questo che esce un po’ a sorpresa, tredici anni dopo l’exploit di un “Here Comes The Future” capace di conquistare consensi di pubblicazioni e siti molto esigenti (8.4 su Pitchfork). Il futuro tanto atteso è arrivato, diverso dalle aspettative ma Carlsson rimane un inguaribile ottimista.

Si fa letteralmente in quattro per regalare buonumore con l’aiuto di Tor Sjödén dei Viagra Boys alla batteria e Josefine Fagerström alle tastiere. Il tocco ambientalista di “Here Comes The Sun #1” dimostra fin dalle prime note che le preoccupazioni dei The Honeydrips sono molto moderne. Il titolo dell’album non è l’unico l’omaggio ai Beatles, visto l’arrangiamento che ricorda il periodo indiano dei Fab Four con un pizzico di melodie sixties.

Le sapienti mani di Carlsson regalano momenti di soul psichedelico come “Loyal Alibi” o “Sleep The Day Away” e altri più sperimentali in cui convivono pop e elettronica (“Postcard”, “Penny Dreadful”) ritmi agrodolci che raggiungono il culmine nella brillante “Linda Says”. Interessante anche “Fatima Says (reprise)” che rielabora e in certo senso completa un brano uscito su “In The City” cinque anni fa.

Il finale è tutto per “Here Comes The Sun #2”: cinque minuti ritmati e vivaci, in cui le influenze californiane anni sessanta / settanta sono particolarmente evidenti. L’album numero quattro insomma mette in mostra un lato diverso di Mikael Carlsson espandendo alcune parti del sound esplorato nel disco precedente, “Give Each Other Some Solance”, senza ripetere quanto fatto in passato.

Credit foto: Erik Sandberg

Tracklist
1. Here Comes The Sun #1
2. Loyal Alibi
3. Sleep The Day Away (feat. Léopoldine Charon)
4. Postcard
5. Penny Dreadful
6. Linda Says
7. Fatima Says (reprise)
8. Here Comes The Sun #2
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...